CONSENSO ALL’UTILIZZO DEI COOKIE AL PRIMO ACCESSO AL SITO WEB WWW.SNAM.IT

Snam utilizza i cookie nell’ambito di questo sito per assicurarle efficace navigazione. Questo sito utilizza anche i cookie di terze parti. I cookie utilizzati non possono identificare l’utente. Per maggiori informazioni sui cookie impiegati e sulle modalità da seguire per cancellarli, cliccare qui. Continuando la navigazione di questo sito, lei acconsente all’utilizzo dei cookie.

ITEN

Verbali e Documenti

SNAM RETE GAS S.P.A.

ASSEMBLEA ORDINARIA DEL 27 E 28 APRILE 2006 RISPETTIVAMENTE IN PRIMA E SECONDA CONVOCAZIONE

Relazione del Consiglio di Amministrazione sulle proposte concernenti le materie poste all’o rdine del giorno dell’Assemblea

PUNTO 1

BILANCIO DI ESERCIZIO AL 31 DICEMBRE 2005, BILANCIO CONSOLIDATO AL 31 DICEMBRE 2005, RELAZIONI DEGLI AMMINISTRATORI, DEL COLLEGIO SINDACALE E DELLA SOCIETÀ DI REVISIONE

Signori Azionisti,
il bilancio di esercizio della Snam Rete Gas S.p.A. che chiude con un utile di esercizio di euro 516.135.031,82 e il bilancio consolidato che chiude con un utile netto di 524 milioni di euro sono illustrati nel fascicolo "Bilancio 2005" depositato presso la sede della Società e la Borsa Italiana S.p.A.. Nella presente relazione si fa perciò rinvio a tale documento.
Signori Azionisti,
siete invitati ad approvare il bilancio di esercizio al 31 dicembre 2005 della Snam Rete Gas S.p.A. che chiude con l’utile di 516.135.031,82 euro.

PUNTO 2

ATTRIBUZIONE DELL'UTILE DI ESERCIZIO E DISTRIBUZIONE DEL DIVIDENDO

Signori Azionisti,
il Consiglio di Amministrazione propone di attribuire l'utile di esercizio di 516.135.031,82 euro come segue:

• alla “Riserva legale�? l’importo necessario affinché essa ammonti a un quinto del capitale sottoscritto alla data dell’Assemblea;
• al pagamento del dividendo di 0,17 euro per azione alle azioni che risulteranno in circolazione alla data di stacco della cedola, escluse le azioni proprie in portafoglio a quella data;
• a nuovo l’importo che residua dopo le attribuzioni proposte.
Signori Azionisti,
siete invitati ad attribuire l'utile di esercizio di 516.135.031,82 euro come segue:
• alla “Riserva legale�? l’importo necessario affinché essa ammonti a un quinto del capitale sottoscritto alla data dell’Assemblea;
• al pagamento del dividendo di 0,17 euro per azione alle azioni che risulteranno in circolazione alla data di stacco della cedola, escluse le azioni proprie in portafoglio a quella data;
• a nuovo l’importo che residua dopo le attribuzioni proposte.
La distribuzione dell’utile di esercizio è soggetta a tassazione secondo le norme del Testo Unico delle Imposte sui Redditi (D.P.R. n. 917/1986), così come modificato dal D.Lgs. n. 344/2003. Il dividendo, a seconda dei percettori, è soggetto a ritenuta alla fonte a titolo d’imposta o concorre in misura parziale alla formazione del reddito imponibile.
Siete altresì invitati ad approvare la proposta di mettere in pagamento il dividendo a partire dal 25 maggio 2006, con stacco fissato al 22 maggio 2006.

PUNTO 3

NOMINA DI QUATTRO AMMINISTRATORI

Signori Azionisti,
In data 6 dicembre 2005, il Consiglio di Amministrazione ha cooptato l’Avv. Massimo Mantovani e il Dott. Salvatore Sardo in sostituzione degli amministratori Avv. Carlo Grande e Dott. Renato Roffi, che avevano rassegnato le dimissioni a seguito della risoluzione del rapporto di lavoro con Eni S.p.A..
In data 23 dicembre 2005, il Consiglio di Amministrazione ha cooptato il Dott. Alberto Meomartini in sostituzione dell’Ing. Domenico Dispenza, che aveva rassegnato le dimissioni da Amministratore e Presidente del Consiglio di Amministrazione, a seguito della sua nomina a Direttore Generale dell’Eni S.p.A. Divisione Gas & Power. Il medesimo Consiglio ha nominato il Dott. Alberto Meomartini Presidente del Consiglio di Amministrazione.
Ai sensi dell’art. 2386 del codice civile primo comma, i citati amministratori scadono con l’o dierna assemblea.
In data 3 marzo 2006, il Dott. Roberto Jaquinto ha rassegnato, a seguito della risoluzione del rapporto di lavoro con Eni S.p.A., le dimissioni dall’incarico di Amministratore a far data dall’odierna assemblea.
E’ necessario, pertanto, procedere alla nomina di quattro amministratori che resteranno in carica fino alla scadenza dell’attuale Consiglio di Amministrazione e cioè fino all’assemblea convocata per l’approvazione del bilancio al 31 dicembre 2006.
Ai sensi dell’articolo 16 dello statuto, gli amministratori sono nominati a maggioranza ordinaria.
Signori Azionisti,
siete invitati pertanto a procedere alla nomina di quattro amministratori che resteranno in carica fino alla scadenza dell’attuale Consiglio di Amministrazione e cioè fino all’assemblea convocata per l’approvazione del bilancio al 31 dicembre 2006.

PUNTO 4

NOMINA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE

Signori Azionisti,
ai sensi dell’articolo 17 dello Statuto, il Presidente del Consiglio di Amministrazione è eletto dall’Assemblea; qualora questa non vi abbia provveduto, il Consiglio elegge fra i suoi membri il Presidente.
Signori Azionisti,
siete invitati, pertanto, ad eleggere il Presidente del Consiglio di Amministrazione.

PUNTO 5

AUTORIZZAZIONE ALLA DISPOSIZIONE DI AZIONI PROPRIE AL SERVIZIO DI PIANI DI STOCK OPTION A DIRIGENTI E APPROVAZIONE DEI PIANI DI STOCK OPTION 2006-2008

Signori Azionisti,
il Consiglio di Amministrazione intende avvalersi anche per il triennio 2006 – 2008 di uno strumento di incentivazione e fidelizzazione del management volto a rafforzare la sua partecipazione al rischio d’impresa, al miglioramento delle performance aziendali e alla creazione di valore per gli Azionisti, da attuarsi attraverso l’attribuzione di opzioni per l’acquisto di azioni proprie di Snam Rete Gas S.p.A a dirigenti di Snam Rete Gas S.p.A. e sue controllate, ai sensi dell’art. 2359 del codice civile, ai quali sono attribuite le più dirette responsabilità in termini strategici ed economici dei risultati (massimo 20 dirigenti). Il Consiglio di Amministrazione intende dare corso ai Piani di stock option 2006 - 2008 e, tenuto conto dell’ autorizzazione all’acquisto di azioni proprie approvata dall’Assemblea degli Azionisti del 10 novembre 2005, propone di destinare fino a n° 9.000.000 azioni proprie al servizio di detti piani.
Il prezzo di acquisto delle azioni sarà pari al prezzo unitario corrispondente al maggiore tra la media aritmetica dei prezzi ufficiali rilevati sul Mercato Telematico Azionario gestito dalla Borsa Italiana S.p.A. nel mese precedente la data di assegnazione del diritto di acquisto delle azioni e il costo medio delle azioni proprie in portafoglio rilevato il giorno precedente la data di assegnazione. Il diritto di acquisto potrà essere esercitato dopo tre anni dall’a ttribuzione dell’opzione e per un triennio.
Al termine di ciascun triennio di riferimento, verrà determinato il numero di opzioni da esercitare, variabile dal 40% al 100%, previa verifica del raggiungimento di obiettivi aziendali prefissati in termini di rendimento totale per l’azionista (Total Shareholders Return).
Il Consiglio di Amministrazione propone altresì che gli sia conferito il potere di redigere i programmi di assegnazione annuali e i relativi regolamenti.
Signori Azionisti,
siete invitati a:
- approvare i piani di stock option 2006 – 2008, quali descritti nelle linee essenziali, anche ai fini di quanto richiesto dall’art. 114-bis del D.Lgs. 58/98, nella Relazione;
- autorizzare il Consiglio di Amministrazione a disporre fino ad un massimo di n. 9.000.000 azioni proprie da vendere al prezzo unitario corrispondente al maggiore tra la media aritmetica dei prezzi ufficiali rilevati sul Mercato Telematico Azionario gestito dalla Borsa Italiana S.p.A. nel mese precedente la data di assegnazione del diritto di acquisto delle azioni e il costo medio delle azioni proprie in portafoglio rilevato il giorno precedente la data di assegnazione, ai dirigenti di Snam Rete Gas S.p.A. e sue controllate ai sensi dell’art. 2359 del codice civile ai quali sono attribuite le più dirette responsabilità in termini strategici ed economici dei risultati (massimo 20 dirigenti).
Alla loro individuazione provvederà il Consiglio di Amministrazione sulla base degli specifici criteri di valutazione utilizzati dalla Società.
Il numero di opzioni da esercitare verrà determinato, al termine di ciascun triennio di riferimento, previa verifica del raggiungimento degli obiettivi aziendali prefissati;
- conferire al Consiglio di Amministrazione il potere di redigere i relativi regolamenti.

Il Presidente del Consiglio di Amministrazione
Dott. Alberto Meomartini

Page Alert
ultimo aggiornamento
05 agosto 2016 - 16:10 CEST