Login    

Comitato Controllo e Rischi e Operazioni con Parti Correlate

Francesco Gori

Francesco Gori - Presidente

Amministratore Indipendente

Francesco Gori nasce a Firenze il 15 maggio 1952.

Dopo la maturità classica si laurea in Economia e Commercio con il massimo dei voti e lode all'Università di Firenze, lavorando nel contempo in una società di software, quindi in una industria cartaria.

Entra nel Settore Pneumatici di Pirelli nel 1978 dove è promosso dirigente nel 1984 e dove, dopo diverse esperienze in ruoli commerciali, marketing, M&A e direzionali in Italia e all'estero, è nominato direttore generale del Settore nel 2001, amministratore delegato di Pirelli Tyre S.p.A. nel 2006 e nel 2009, anche direttore generale di Pirelli & C. Nei dieci anni alla sua guida Pirelli Tyre raddoppia le vendite e il Mol generando cassa grazie all'esecuzione di una strategia premium che consente una crescita della top e della bottom line superiore ai concorrenti di riferimento, culminata nell'ingresso in F1 come fornitore esclusivo dal 2010.

Dal 2006 al 2011 e per due mandati consecutivi è eletto presidente di ETRMA, l' associazione europea dell'industria manifatturiera della gomma.

Nel 2012 lascia di propria iniziativa il gruppo Pirelli. Dal 2013 al 2015 è Industrial Advisor di Malacalza Investimenti, secondo azionista di Pirelli. Dal 2014 Managing Director del fondo Corporate Credit Recovery 1 di Dea Capital Alternative Funds SGR (gruppo De Agostini) e dal 2018 senior Advisor dei fonti Corporate Recovery 1 e 2.

Nel 2015 è nominato Amministratore non esecutivo nei Supervisory e Management Boards di Apollo Tyres, società leader del settore e quotata in India. Dal 2016 al 2018 assume la presidenza esecutiva di Benetton Group srl. 
È componente del Consiglio di Amministrazione di Prysmian Group S.p.A. da settembre 2018 a seguito di cooptazione.

Dal 26 marzo 2013 è Amministratore di Snam.

 

Approfondimenti:

> Eventuali partecipazioni se detenute

> Comunicazioni internal dealing

 

Francesca Pace

Francesca Pace

Amministratore indipendente

Nata a Roma nel 1961.

Laureata in giurisprudenza con lode all’Università "La Sapienza" di Roma.

Iscritta all’Albo Amministratori Giudiziali- sezione Esperti in Gestione Aziendale e all’albo degli avvocati cassazionisti.

Ha svolto attività accademica come docente di diritto civile

Da maggio 2018 è Consigliere indipendente di Cassa di Risparmio di Orvieto.

Oltre a svolgere la propria attività professionale prestando la propria consulenza in materia di diritto commerciale, regolamentare, antitrust, m. & a., ristrutturazioni, contrattualistica e contenzioso, ed aver ricoperto il ruolo di commissario giudiziale e custode giudiziario di alcune società italiane, è stata Direttore Affari Legali e Societari di WIND Telecomunicazioni S.p.A. e consigliere di amministrazione di Banca Tercas e Acquedotto Pugliese S.p.A.
 

 Approfondimenti:

> Eventuali partecipazioni se detenute

> Comunicazioni internal dealing

 

Antonio Marano

Antonio Marano

Amministratore indipendente

Nato a Villach (Austria), nel 1960.

Laureato in giurisprudenza con lode all’Università di Bologna.

Attualmente è amministratore delegato di Partners 4 Energy S.r.l. società di consulenza finanziaria indipendente con focus sulle infrastrutture e sulle energie rinnovabili. In questi ambiti fornisce supporto strategico a istituzioni finanziarie e società su fusioni e acquisizioni, finanziamenti e fund raising. Ricopre la carica di consigliere di Concessioni Autostradali Lombarde S.p.A. e Presidente di Aeroporto FVG S.p.A.

Dopo aver svolto ruoli manageriali presso società finanziarie, nel 1998 diventa direttore generale per l’Italia di Commerzbank AG e, successivamente nel 2003, direttore sviluppo di Autostrade S.p.A. Dopo aver ricoperto il ruolo di Amministratore Delegato e Direttore Generale di Scala Capital S.p.A., nel 2007 diventa Responsabile della struttura «Public Sector FIG & Intrastructures Italia» di Unicredit corporate banking. 
 

 Approfondimenti:

> Eventuali partecipazioni se detenute

> Comunicazioni internal dealing

 

Riunioni del Comitato e Partecipazione (2018)

Nel corso del 2018 il Comitato si è riunito 11 volte, con la partecipazione in media del 97% dei suoi componenti. La durata media delle riunioni del Comitato è stata di 227 minuti.

Numero di riunioni del Comitato Controllo e Rischi e Operazioni con Parti Correlate

 

Tasso di Partecipazione al Comitato Controllo e Rischi e Operazioni con Parti Correlate

 

* The European House – Ambrosetti S.p.A., L’osservatorio sull’eccellenza dei sistemi di governo in Italia, Edizione 2018. I dati si riferiscono all’esercizio 2017 e sono tratti da fonti pubbliche quali Bilanci d’esercizio 2017 e Relazioni sulla Corporate Governance pubblicate nella primavera del 2018.

Il Comitato Controllo e Rischi e Operazioni con Parti Correlate è formato da tre componenti indipendenti. Almeno un componente possiede esperienza in materia contabile e finanziaria e di gestione dei rischi.

 

Principali Compiti

Il Comitato svolge funzioni propositive e consultive nei confronti del Consiglio di Amministrazione al fine di supportare, con un’adeguata attività istruttoria, le valutazioni e le decisioni del Consiglio stesso relative al sistema di controllo interno e di gestione dei rischi, nonché quelle relative all’approvazione delle relazioni finanziarie periodiche.

Il Comitato Controllo e Rischi e Operazioni con Parti Correlate:

  • valuta il corretto utilizzo dei principi contabili e la loro omogeneità ai fini della redazione del bilancio consolidato;
  • esprime pareri su specifici aspetti inerenti alla identificazione dei principali rischi aziendali;
  • svolge gli ulteriori compiti che gli vengono attribuiti dal Consiglio di Amministrazione in materia di Operazioni con interessi degli amministratori e sindaci e operazioni con parti correlate;
  • esamina le relazioni periodiche, aventi per oggetto la valutazione del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi, e quelle di particolare rilevanza predisposte dal Responsabile Internal Audit;
  • monitora l’autonomia, l’adeguatezza, l’efficacia e l’efficienza della funzione Internal Audit;
  • può richiedere al Responsabile Internal Audit lo svolgimento di verifiche su specifiche aree operative;
  • riferisce al Consiglio, almeno semestralmente, in occasione dell’approvazione della relazione finanziaria annuale e semestrale, sull’attività svolta, nonché sull’adeguatezza del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi; in ogni caso, successivamente a ogni propria riunione il Comitato aggiorna con comunicazione il Consiglio di Amministrazione, alla prima riunione utile, in merito agli argomenti trattati e alle osservazioni, raccomandazioni, pareri, ivi formulati; ; 
  • supporta, con un’adeguata attività istruttoria, le valutazioni e le decisioni del Consiglio di Amministrazione relative alla gestione di rischi derivanti da fatti pregiudizievoli di cui il Consiglio di Amministrazione sia venuto a   conoscenza o che il Comitato stesso abbia segnalato al Consiglio di Amministrazione.
  • esprime il proprio parere sulle proposte formulate dall’Amministratore incaricato del sistema di controllo interno e gestione dei rischi al Consiglio di Amministrazione inerenti alla nomina, revoca e remunerazione del Responsabile Internal Audit, e finalizzate ad assicurare che lo stesso sia dotato delle risorse adeguate all’espletamento delle proprie responsabilità.

Il Comitato, svolge le funzioni attribuite allo stesso dal Consiglio di Amministrazione nell’a mbito della Procedura “Operazioni con interessi degli amministratori e sindaci e operazioni con parti correlate”.

 

snam logo

Approfondisci i compiti del Comitato Controllo e Rischi e l'attività nel 2018.

Approfondisci

Impiegato al pc

Comprendere l'approccio di Snam alla gestione del rischio

Approfondisci
occhiali su tavolo

Il Collegio Sindacale di Snam

Approfondisci

 

Page Alert
ultimo aggiornamento
15 maggio 2019 - 11:11 CEST