CONSENSO ALL’UTILIZZO DEI COOKIE AL PRIMO ACCESSO AL SITO WEB WWW.SNAM.IT

Snam utilizza i cookie nell’ambito di questo sito per assicurarle efficace navigazione. Questo sito utilizza anche i cookie di terze parti. I cookie utilizzati non possono identificare l’utente. Per maggiori informazioni sui cookie impiegati e sulle modalità da seguire per cancellarli, cliccare qui. Continuando la navigazione di questo sito, lei acconsente all’utilizzo dei cookie.

ITEN

Il piano per il futuro del gas naturale

Il piano per il futuro del gas naturale

Uno sguardo ai principali fattori della crescita del consumo di gas alla luce dei dati del 2016, con focus sugli ostacoli ancora presenti e sulle iniziative da adottare per superarli

Per maggiori informazioni è possibile effettuare il download della versione pdf del report, che contiene un'analisi più dettagliata e ulteriori dati e grafici.

pdfGlobal Gas Report 2017

 

Competitività di prezzo vs. altri combustibili

 

La competitività di prezzo del gas rispetto al carbone sta generalmente migliorando grazie a una più ampia disponibilità e un minore prezzo del GNL, ma rimane un divario in Europa e in Asia. L’evoluzione dei prezzi del gas rispetto al carbone sarà particolarmente importante in Asia, dove il GNL ha i prezzi più elevati a livello mondiale e da dove si prevede che arriverà più del 40% della domanda aggiuntiva di gas.

Per essere competitivo col carbone, una analisi sul costo medio di generazione dell’elettricità suggerisce che il gas avrebbe bisogno di mantenere sistematicamente in Asia un prezzo medio nell’i ntervallo tra circa 4 a 8$ per MMBtu in base alla stagione. Auspicabilmente il prezzo dovrebbe mantenersi vicino al limite inferiore della forchetta di prezzo per alcuni particolari paesi. Con nuove modifiche di capacità agli impianti industriali negli USA e in qualche altro mercato, i volumi spot di GNL stanno iniziando a rientrare in questa gamma di prezzo. Tuttavia, questo è potenzialmente al di sotto del recupero del costo di capitale per alcuni nuovi grandi progetti, soprattutto in Australia.

La sostenibilità di questi prezzi dunque dipende dall’ evoluzione dei prezzi della filiera del GNL e in particolare dei prezzi di liquefazione.

Il prezzo delle emissioni di carbonio sarà un altro fattore critico per determinare la competitività del gas rispetto al carbone per la produzione energetica e al petrolio nel settore dei trasporti. Si tratta di un punto dibattuto in Europa al momento. L’analisi suggerisce ampiamente che un prezzo globale del carbonio di almeno $20 per tonnellata sarà essenziale quanto meno per permettere la concorrenza del gas col carbone.

Disponibilità e sicurezza dell’approvvigionamento

 

Le infrastrutture e il commercio di GNL hanno avuto un grande sviluppo nel 2016: il commercio globale di gas naturale è cresciuto di più del 6% e questa crescita ha permesso miglioramenti complessivi alla sicurezza e alla disponibilità dell’approvvigionamento, ma un problema centrale che rimane è la rigidità degli attuali contratti GNL e delle strutture di approvvigionamento. Sono necessarie nuove tecnologie per un approvvigionamento e una rigassificazione di GNL più flessibili e investimenti nelle infrastrutture di approvvigionamento e di stoccaggio del gas:

  • La capacità d’uso delle FSRU sta crescendo rapidamente e tra il 2013 e il 2016 è quasi raddoppiata;


 

Capacità globale delle FSRU

Capacità globale delle FSRU


 

  • Per l’approvvigionamento di GNL, la liquefazione mobile si sta imponendo come strumento per raggiungere aree remoti e in difficoltà;
  • Per il consumo terrestre è stato sviluppato un Small Scale LNG per supportare gli utilizzi in aree non connesse alla rete di trasporto e distribuzione.
 

GNL small scale

GNL small scale

Sostenibilità

 

  future path sostenibilità

A breve e lungo termine, la sfida relativa al cambiamento climatico ha bisogno che le emissioni di gas effetto serra siano ridotte in tutta la catena di valore del gas. A breve termine, poiché l’utilizzo del gas aumenterà, una sfida è limitare le perdite di metano. A lungo termine invece l’imperativo sarà la transizione dell’intera catena di valore del gas verso emissioni vicine allo zero.

Page Alert
ultimo aggiornamento
02 ottobre 2017 - 11:25 CEST