Sistema di controllo interno
e di gestione dei rischi

Snam ha adottato un sistema di controllo interno e gestione dei  rischi conforme alle indicazioni del Codice di Autodisciplina delle Società Quotate e allineato alle best practice di riferimento.

La responsabilità del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi compete al Consiglio di Amministrazione che provvede, con l'assistenza del Comitato Controllo e Rischi, a fissarne le linee di indirizzo e a verificarne periodicamente l'adeguatezza e l'effettivo funzionamento, assicurandosi che i principali rischi aziendali vengano identificati e gestiti idoneamente.

In ossequio a quanto suggerito al riguardo dal Codice di Autodisciplina, il Consiglio di Amministrazione ha nominato l'Amministratore Delegato quale Amministratore incaricato del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi. L'Amministratore incaricato del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi ha, tra gli altri, il compito di dare attuazione agli indirizzi formulati dal Consiglio di Amministrazione mediante la progettazione, la realizzazione e la gestione  del sistema di controllo interno e di gestione dei rischi, verificandone costantemente l'adeguatezza e l'efficacia.

Il Consiglio ha inoltre definito l'indipendenza del Responsabile Internal Audit. Il Consiglio di Amministrazione, in coerenza al Codice, ne approva la nomina, la revoca e ne definisce la remunerazione. Il Responsabile Internal Audit inquadrato nella struttura organizzativa che dipende dall'Amministratore Delegato, svolge le attività di audit in piena indipendenza secondo le indicazioni del Consiglio di Amministrazione. Il Consiglio di Amministrazione approva anche il Piano di audit ed il budget dell'unità' Internal Audit. Il Comitato Controllo e Rischi sovrintende alle attività dell’Internal Audit. 
Snam è inoltre dotata di un sistema di controllo sull'informativa societaria finalizzato all' adempimento delle disposizioni previste dalla normativa italiana (Legge 28 dicembre 2005 n. 262 e Decreto Legislativo n.195 del 6 novembre 2007, cd "legge risparmio") cui Snam è soggetta in quanto società quotata nel mercato azionario italiano.

La legge prevede inoltre la nomina di un Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari ed attribuisce al Consiglio di Amministrazione il ruolo di vigilanza sull'adeguatezza dei poteri e mezzi a disposizione del dirigente preposto e sull'effettivo rispetto delle "procedure amministrative e contabili". In relazione a ciò, il Consiglio di Amministrazione ha nominato Dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari il Dr. Antonio Paccioretti, Direttore Pianificazione, Amministrazione, Finanza e Controllo di Snam.

Il sistema di controllo sull'informativa societaria di Snam è stato aggiornato nel tempo al fine di garantirne la coerenza e l'efficacia rispetto all'evoluzione organizzativa e gestionale del gruppo Snam.

In particolare, nel 2009 e nel 2010, con l'acquisizione di Stogit e di Italgas ed il successivo accentramento presso Snam dei servizi di staff e di alcune attività operative delle società controllate, l'aggiornamento ha riguardato l'estensione anche alle nuove società consolidate da Snam del sistema di controllo in vigore nella capogruppo e l'adeguamento dei controlli alla mutata suddivisione delle attività e delle responsabilità.

Nel 2011, l'acquisto da eni adfin del ramo d'azienda relativo alle attività amministrativo - contabili e da eni del ramo d'azienda relativo alle attività informatiche unbundled, ha comportato l'introduzione in Snam dei controlli relativi alle attività acquisite.

Infine, il nuovo assetto organizzativo del Gruppo Snam in vigore dal 1° gennaio 2012 conseguente al conferimento alla Snam Rete Gas del ramo d'azienda relativo alle attività di trasporto, dispacciamento, telecontrollo e misura del gas naturale e la costituzione della funzione Finanza in Snam ha richiesto un ulteriore  adeguamento del sistema di controllo sull'informativa societaria.

Sono altresì istituite strutture di Enterprise Risk Management (ERM) e di Compliance. In particolare, nel corso del secondo trimestre 2013 Snam ha istituito, alle dirette dipendenze dell'Amministratore Delegato, l'unità Enterprise Risk Management (ERM) al fine di presidiare il processo di gestione integrata dei rischi aziendali. I principali obiettivi dell'ERM sono definire un modello di valutazione dei rischi che consenta di mapparli secondo logiche omogenee e trasversali, identificare i rischi prioritari, garantire il consolidamento delle azioni di mitigazione ed elaborare un sistema di reportistica.

 
Page Alert ultimo aggiornamento
12 febbraio 2014 - 13:55 CET