CONSENSO ALL’UTILIZZO DEI COOKIE AL PRIMO ACCESSO AL SITO WEB WWW.SNAM.IT

Snam utilizza i cookie nell’ambito di questo sito per assicurarle efficace navigazione. Questo sito utilizza anche i cookie di terze parti. I cookie utilizzati non possono identificare l’utente. Per maggiori informazioni sui cookie impiegati e sulle modalità da seguire per cancellarli, cliccare qui. Continuando la navigazione di questo sito, lei acconsente all’utilizzo dei cookie.

ITEN

10 anni in Borsa

7 miliardi di euro investiti, 4,7 miliardi di dividendi distribuiti pari al 73% dell’utile netto, un ritorno di circa il 150% per chi ha sottoscritto l’azione in sede di offerta iniziale. Sono i numeri dei dieci anni di Snam in Borsa. Il 6 dicembre 2001 il titolo entra nel mercato azionario italiano a seguito di un collocamento di successo. La significativa adesione all’Offerta da parte di privati e di investitori istituzionali, nazionali e internazionali, di elevato profilo premia la scelta della società. A dieci anni dal suo esordio a Piazza Affari, Snam rappresenta una storia di successo sia in termini di creazione di valore per gli azionisti che per lo sviluppo del sistema Paese.

10 ANNI IN BORSA

6 dicembre 2001

  • Quotazione in borsa

2007

  • Completamento piano di buyback

2002

  • Ingresso nell’indice di sostenibilitá FTSE4Good

2009

  • Aumento di capitale per acquisizione Italgas e Stogit
  • Ingresso nell’indice di sostenibilitá Dow Jones Sostainability Index

2005

  • Dividendo straordinario
  • Inizio piano di buyback

2011

  • Modello ITC

SIGNORI AZIONISTI E STAKEHOLDERS

Carlo Malacarne

il 6 dicembre è una data importante per la nostra Società. Essa rievoca un momento fondamentale della nostra storia con la quotazione in Borsa avvenuta nel 2001, dopo il conferimento di tutte le attività svolte da Snam in Italia nel trasporto, dispacciamento e rigassificazione del GNL.

Sono passati 10 anni e a mio avviso Snam Rete Gas rappresenta una storia di successo sia in termini di creazione di valore per i nostri azionisti che per lo sviluppo del sistema Paese. Questi risultati sono stati conseguiti anche grazie alla possibilità che abbiamo avuto di operare in un sistema di regolazione stabile, trasparente ed incentivante. Un sistema virtuoso, apprezzato a livello internazionale, che abbiamo cercato sempre di rafforzare attraverso un dialogo continuo e proattivo con il Regolatore.

Credo che più che le parole siano i numeri la vera testimonianza di quello che abbiamo realizzato: grazie ad investimenti per circa 7 miliardi di euro la rete di trasporto in esercizio è passata da 29.600 km a quasi 31.700 km, la capacità di trasporto è aumentata del 50% ed il volume di gas trasportato si è incrementato dai circa 70 miliardi di metri cubi del 2001 agli oltre 83 miliardi di metri cubi del 2010. Gestiamo 8 siti di stoccaggio, 19 centrali di compressione e 50 mila chilometri di rete di distribuzione.

Dalla quotazione in Borsa Snam Rete Gas ha sempre chiuso i bilanci in utile e distribuito dividendi. Dal 2001 Snam Rete Gas ha distribuito circa 4,7 miliardi di dividendi, corrispondenti in media a circa il 73% dell’utile netto. Chi ha sottoscritto l’azione in sede di Offerta iniziale ha maturato un significativo ritorno, pari a circa il 150%. Uno sforzo massiccio che coerentemente con la nostra tradizione industriale e grazie alla cultura dell’eccellenza che permea tutto il nostro capitale umano ci ha consentito di rispondere da un lato alle richieste del Paese di disporre di un sistema gas più sicuro e più flessibile negli approvvigionamenti; dall’altro di assicurare ritorni attrattivi e sostenibili ai nostri azionisti. Tutto ciò mantenendo ben radicata nella nostra società la cultura dello sviluppo sostenibile, l’attenzione massima ai temi della sicurezza e della qualità nell’erogazione dei servizi.

In questo decennio permettetemi di ricordare anche la data del giugno 2009. In uno scenario sempre più complesso e competitivo abbiamo acquisito da Eni l’intero capitale sociale di Stogit e Italgas creando con GNL Italia un unico gruppo integrato in grado di coprire l’intera filiera delle attività regolate del business del gas in Italia. La scelta di integrare le quattro società è stata fatta in linea con le aspettative dei nostri principali referenti: il mercato e gli azionisti, l’A utorità di regolazione e gli altri stakeholders. Il processo di integrazione, innanzitutto, va interpretato come una risposta alle indicazioni che ci provenivano dal mercato, che oltre a chiederci di continuare a creare valore, ha partecipato con entusiasmo all’aumento di capitale finalizzato allo sviluppo del nuovo soggetto; un segnale di fiducia che, a mio giudizio, ha rappresentato il primo successo del nuovo Gruppo. Abbiamo costituito una nuova realtà che per capacità operativa e profilo dimensionale è leader a livello Europeo. L’Autorità potrà quindi dialogare con un grande interlocutore, capace di far fronte con efficacia, sicurezza ed efficienza alle problematiche che i mercati energetici sempre più estesi ed integrati porranno nei prossimi anni.

Infine, nei confronti degli altri stakeholders il nuovo gruppo è guidato dall’obbiettivo di consolidare la propria immagine di soggetto responsabile e trasparente anche grazie all’ulteriore valorizzazione del capitale umano e del know how aziendale. Grazie all’impegno, alla professionalità e alla passione di tutte le persone che lavorano nel Gruppo oggi siamo in grado di raccogliere i primi frutti delle scelte compiute nel 2009. In un momento di grande difficoltà come l’attuale, tutti i nostri indicatori operativi e finanziari sono migliorati, e ci consentono, anche grazie alla solidità della nostra struttura di capitale, di confermare le prospettive di creazione di valore sostenibile nel tempo per i nostri azionisti e per la collettività. Ma non vogliamo fermarci qui. Nei prossimi mesi e nei prossimi anni ci attendono nuove sfide e nuovi traguardi.

CAMPAGNA DI COMUNICAZIONE

Carlo Malacarne

6 dicembre 2011. Dieci anni in borsa di Snam. Una buona occasione per parlare di noi, dei nostri valori e dei nostri obiettivi. Cambiamo marchio, ma il sistema integrato Snam non cambia: trasporto, stoccaggio, rigassificazione e distribuzione del gas naturale. Continueremo a garantire la sicurezza energetica del Paese nel rispetto del territorio e delle comunità. E ad assicurare il nostro impegno in termini di investimenti e tecnologia, per rafforzare quello che già oggi è il nostro ruolo: essere la rete di domani. Con l’obiettivo di diventare l’hub europeo che mette al centro lo sviluppo. Snam. La rete del futuro nel nostro presente.

GALLERY

Page Alert
ultimo aggiornamento
14 settembre 2016 - 17:40 CEST