CONSENSO ALL’UTILIZZO DEI COOKIE AL PRIMO ACCESSO AL SITO WEB WWW.SNAM.IT

Snam utilizza i cookie nell’ambito di questo sito per assicurarle efficace navigazione. Questo sito utilizza anche i cookie di terze parti. I cookie utilizzati non possono identificare l’utente. Per maggiori informazioni sui cookie impiegati e sulle modalità da seguire per cancellarli, cliccare qui. Continuando la navigazione di questo sito, lei acconsente all’utilizzo dei cookie.

ITEN

Snam Rete Gas Outdoor investor days

Price sensitive

San Donato Milanese, 12 ottobre 2010 - L’Amministratore Delegato di Snam Rete Gas, Carlo Malacarne, ha incontrato nel pomeriggio di oggi un gruppo di investitori istituzionali italiani e internazionali in occasione dell’Outdoor Investor Days, presso il Palazzo dei Giureconsulti a Milano. Nella giornata di domani, l’Amministratore Delegato accompagnerà il gruppo di investitori nella visita al sito di stoccaggio di Sergnano e ai lavori di potenziamento del metanodotto Sergnano-Cremona lungo la direttrice est-ovest della pianura padana.

Nel corso dei due giorni dell’evento, il top management illustrerà agli investitori i programmi di sviluppo della Società, confermando il piano investimenti di 6,4 miliardi di euro per il periodo 2010-2013. Di tale ammontare, 5,3 miliardi sono dedicati all’a ttività di trasporto e di stoccaggio e sono finalizzati a incrementare la sicurezza e la flessiblità del sistema. Lo sviluppo inoltre di infrastrutture di reverse-flow consente di porre le premesse per la creazione di un hub europeo del gas in Italia.

“Incontrare gli investitori istituzionali del nostro gruppo rappresenta un’importante occasione per confermare la centralità del ruolo svolto da Snam Rete Gas, come operatore integrato, nel sistema gas italiano ed europeo. Il significativo piano di investimenti, incentivato anche dal contesto regolatorio e finalizzato a incrementare la sicurezza e flessibilità del sistema, consente di creare le premesse per la creazione di un hub europeo del gas in Italia�?, ha commentato l’A mministratore Delegato di Snam Rete Gas, Carlo Malacarne.

La rimanente spesa di 1,1 miliardi di euro del piano investimenti è dedicata alle attività di distribuzione, con il principale obiettivo di incrementare la qualità e l’efficienza del servizio.

Nel corso dell’incontro odierno l’Amministratore Delegato ha anche presentato agli investitori un’analisi delle attività di distribuzione del gas naturale al fine di evidenziare le caratteristiche distintive del business e di facilitare la corretta valutazione delle attività di Italgas rispetto agli altri operatori di mercato.

Nell’ambito della presentazione, inoltre, sono stati illustrati i principali aggiornamenti occorsi in ambito regolatorio e legislativo in merito alle attività di stoccaggio, a seguito della pubblicazione della regolazione per il terzo periodo (2011-2014) e del Decreto Legislativo (130/2010) relativo alle misure per la maggiore concorrenzialità nel mercato del gas naturale. Tali aggiornamenti contribuiscono a conferire ulteriore visibilità e trasparenza al contesto di business in cui opera Snam Rete Gas.

Nella giornata di domani, il top management di Snam accompagnerà il gruppo di investitori in visita al sito di stoccaggio di Sergnano e a visionare alcune fasi del progetto di costruzione e potenziamento della rete di metanodotti lungo la tratta Sergnano-Cremona.

Il sito di stoccaggio di Sergnano è in attività dal 1965 ed è costituito da 36 pozzi di stoccaggio gas (con una profondità media di 1.300 metri), ha una capacità di erogazione pari a 21 milioni di Smc/g, una potenza installata di 49 MW e una quantità di working gas pari a 2 miliardi di metri cubi.

Il progetto di costruzione e potenziamento del metanodotto della tratta Sergnano-Cremona rientra nell’ambito del progetto più generale di potenziamento della rete dei metanodotti lungo la direttrice est-ovest della pianura padana e prevede lo sviluppo di circa 370 km di nuova rete di trasporto.

Nel corso della giornata di domani, inoltre, il top management della società incontrerà nella sede di San Donato Milanese una rappresentanza degli investitori individuali i quali saranno accompagnati in visita al centro di dispacciamento di Snam Rete Gas.

Il centro di dispacciamento di Snam Rete Gas provvede al monitoraggio e al controllo a distanza dell’esercizio della rete di trasporto, ricevendo dati da circa 3.000 impianti di cui oltre 1.500 telecomandati, dislocati lungo la rete Snam Rete Gas e da alcune delle reti estere collegate. Con l’impiego di specifiche applicazioni software, i dati raccolti consentono, sulla base anche di dati storici di consumo e delle previste condizioni climatiche, di formulare previsioni a breve termine della domanda di trasporto e di simulare e ottimizzare i flussi di gas nella rete. Il dispacciamento ha ottenuto nel giugno 2009 la conferma della certificazione ISO 9001-2008.

Riferimenti societari

Investor Relations Snam Rete Gas
Tel.: +39 02.520.67272 - Fax: +39 02.520.67803
Casella e-mail: investor.relations@snamretegas.it

Relazioni Esterne Snam Rete Gas
Tel.: +39 02.520.67691 - Fax: +39 02.520.69227
Casella e-mail: relazioni.esterne@snamretegas.it

Ufficio Stampa Eni
Tel.: +39 02.520.31875 - +39 06.5982398
Casella e-mail: ufficio.stampa@eni.it



Snam Rete Gas è quotata in borsa dal 6 dicembre 2001 e le sue azioni sono incluse nell’indice FTSEMIB dei principali 40 titoli italiani. A fine settembre 2010, la capitalizzazione di mercato raggiunge gli oltre 13 miliardi di euro.
Eni S.p.A. è il primo azionista con una partecipazione del 52,54%, mentre gli investitori istituzionali rappresentano circa il 30% del capitale e sono distribuiti principalmente in Gran Bretagna e Irlanda (4,5% circa), Italia (4,5%), USA e Canada (7,5%), Europa Continentale (12%) e nel resto del mondo. Gli azionisti individuali si attestano a circa il 9% e sono prevalentemente localizzati in Italia. Snam Rete Gas detiene in portafoglio circa il 5,45% di azioni proprie.

Page Alert
ultimo aggiornamento
05 agosto 2016 - 16:18 CEST