CONSENSO ALL’UTILIZZO DEI COOKIE AL PRIMO ACCESSO AL SITO WEB WWW.SNAM.IT

Snam utilizza i cookie nell’ambito di questo sito per assicurarle efficace navigazione. Questo sito utilizza anche i cookie di terze parti. I cookie utilizzati non possono identificare l’utente. Per maggiori informazioni sui cookie impiegati e sulle modalità da seguire per cancellarli, cliccare qui. Continuando la navigazione di questo sito, lei acconsente all’utilizzo dei cookie.

ITEN

Snam annuncia i risultati dei primi nove mesi e del terzo trimestre 2014

Price sensitive

San Donato Milanese, 31 ottobre 2014 - Il Consiglio di Amministrazione di Snam, riunitosi ieri sotto la presidenza di Lorenzo Bini Smaghi, ha approvato i risultati consolidati dei primi nove mesi e del terzo trimestre 2014 (non sottoposti a revisione contabile).

Highlight finanziari

  • Ricavi totali: 2.648 milioni di euro(+0,6%)
  • Utile operativo (EBIT): 1.528 milioni di euro (+0,8%)
  • Utile netto: 863 milioni di euro (+28,0%)
  • Investimenti tecnici: 856 milioni di euro
  • Free cash flow: 212 milioni di euro

Highlight operativi

  • Gas immesso nella rete di trasporto: 47,19 miliardi di metri cubi (-6,2%)
  • Numero di contatori attivi: 6,4 milioni (+7,8%)
  • Capacità disponibile di stoccaggio: 11,4 miliardi di metri cubi

Fatti di rilievo

  • Convocata in data 10 dicembre 2014 l’Assemblea straordinaria degli azionisti Snam per deliberare sulla proposta di aumento di capitale sociale a fronte dell’operazione finalizzata a rilevare, per un corrispettivo pari a 505 milioni di euro, la partecipazione in Trans Austria Gasleitung GmbH (TAG) detenuta da CDP GAS S.r.l.
 

Carlo Malacarne, CEO di Snam, ha commentato così i risultati:

“La continua attenzione all’efficienza operativa e finanziaria della nostra gestione ha consentito di confermare risultati soddisfacenti anche per i primi nove mesi di quest’anno come evidenziato dalla crescita di circa l’1% dell’utile operativo e del 28% dell’utile netto, nonostante il perdurare della congiuntura economica sfavorevole e le minori quantità di gas immesse in rete.

Proseguiamo ad investire con l’obiettivo di potenziare le infrastrutture gas italiane e promuovere una sempre maggiore integrazione delle reti europee�?.

 

Documenti allegati

Tabelle excel

| 871 Kb

Page Alert
ultimo aggiornamento
05 agosto 2016 - 16:19 CEST