CONSENSO ALL’UTILIZZO DEI COOKIE AL PRIMO ACCESSO AL SITO WEB WWW.SNAM.IT

Snam utilizza i cookie nell’ambito di questo sito per assicurarle efficace navigazione. Questo sito utilizza anche i cookie di terze parti. I cookie utilizzati non possono identificare l’utente. Per maggiori informazioni sui cookie impiegati e sulle modalità da seguire per cancellarli, cliccare qui. Continuando la navigazione di questo sito, lei acconsente all’utilizzo dei cookie.

ITEN

BEI concede un finanziamento per complessivi 373 milioni di Euro per lo sviluppo dei progetti di Snam Rete Gas

Price sensitive

San Donato Milanese, 10 dicembre 2015 - Snam ha sottoscritto con la Banca Europea per gli Investimenti (BEI) un contratto di prestito di 373 milioni di Euro per il finanziamento di investimenti promossi da Snam Rete Gas, la società del Gruppo attiva nel trasporto di gas sulla rete nazionale, e finalizzati a rendere il sistema gas italiano ancora più efficiente e flessibile.

Tale finanziamento rientra nella politica di ottimizzazione della struttura finanziaria del gruppo Snam, in quanto complementare ai prestiti obbligazionari e bancari e caratterizzato da durate più lunghe a costi competitivi.

Il finanziamento è rivolto a investimenti per un costo complessivo stimato pari a circa 750 milioni di Euro e riguardanti principalmente il progetto reverse flow. Il reverse flow, che rientra tra i progetti cardine del piano industriale di Snam, permetterà, in linea con la Terza Direttiva Europea, di avere flussi di gas bidirezionali con il centro-nord Europa e gli hub europei, e di favorire lo sviluppo del corridoio Sud-Nord in cui si inserisce anche il recente accordo di esclusiva per l’acquisto della quota del 20% di TAP. Il progetto rientra nella lista dei Progetti di Interesse Comune (PCI) a livello europeo e punta a incrementare la sicurezza e la flessibilità del sistema gas continentale, facilitando la diversificazione delle fonti di approvvigionamento.

Più in dettaglio, tra gli investimenti dedicati al reverse flow rientrano la realizzazione delle nuove centrali di compressione di Minerbio e Sergnano e del metanodotto Cervignano – Mortara, mentre gli investimenti relativi a interventi di mantenimento interessano diversi metanodotti collocati prevalentemente nel nord Italia e il terminale di Mazara del Vallo.

Il finanziamento di 373 milioni di Euro sarà a tasso variabile e avrà una durata di 20 anni.

Tale finanziamento si aggiunge ai 324 milioni già erogati da BEI nel corso del 2015 per progetti di Snam Rete Gas e Italgas, per un ammontare di prestiti concessi nell’anno di circa 700 milioni di Euro, che collocano Snam tra le principali controparti italiane di BEI.

 
Page Alert
ultimo aggiornamento
05 agosto 2016 - 16:19 CEST