CONSENSO ALL’UTILIZZO DEI COOKIE AL PRIMO ACCESSO AL SITO WEB WWW.SNAM.IT

Snam utilizza i cookie nell’ambito di questo sito per assicurarle efficace navigazione. Questo sito utilizza anche i cookie di terze parti. I cookie utilizzati non possono identificare l’utente. Per maggiori informazioni sui cookie impiegati e sulle modalità da seguire per cancellarli, cliccare qui. Continuando la navigazione di questo sito, lei acconsente all’utilizzo dei cookie.

ITEN

Emissioni non-Ets, Strasburgo conferma: per l’Italia -33% al 2030

Il percorso di riduzione sarà calcolato dal 2018 anziché dal 2020. Via ai negoziati con il Consiglio

20170615_2.jpg Il Parlamento europeo ha confermato mercoledì gli obiettivi di riduzione delle emissioni di gas-serra dai settori non-Ets al 2030 proposti dalla Commissione Ue la scorsa estate, incluso il target nazionale per l’Italia (-33%).
Strasburgo ha tuttavia modificato la proposta di regolamento della Commissione in alcuni punti. In particolare, il percorso di riduzione delle emissioni di ciascuno Stato membro dovrà essere calcolato dal 2018 anziché dal 2020 come proposto da Bruxelles, al fine – spiega una nota – “di evitare un aumento delle emissioni nei primi anni o un rinvio delle riduzioni”. In aggiunta, per garantire maggiore prevedibilità nel lungo termine, gli eurodeputati hanno fissato un target di riduzione delle emissioni al 2050: -80% rispetto ai livelli del 2005.
Nel complesso della Ue, l’obiettivo di riduzione al 2030 per i settori non-Ets (edilizia, agricoltura, gestione rifiuti, trasporti) resta fissato al 30%, che assieme al previsto taglio dell’Ets del 43% consentirà di raggiungere il target complessivo per la CO2 del 40% fissato dal Consiglio Europeo nel 2014.
Il testo approvato dall’Europarlamento – con 534 voti favorevoli, 88 contrari e 56 astensioni – rappresenta il mandato per iniziare i negoziati con il Consiglio Europeo. L’obiettivo, conclude la nota, èi raggiungere un accordo in prima lettura. I negoziati informali partiranno quando anche il Consiglio avrà espresso la propria posizione.

Energy Morning è un servizio di informazione su fatti e notizie relativi al mondo dell'energia. In quanto tale, i contenuti non riflettono direttamente né indirettamente la visione e la strategia di Snam sugli argomenti trattati.
 

Documenti allegati

Page Alert
ultimo aggiornamento
15 giugno 2017 - 09:30 CEST