Login    

Biometano, norme Uni per l’odorizzazione

In inchiesta preliminare fino al 23 maggio 4 progetti Cig

20180515_1.jpgIl previsto sviluppo del biometano ha spinto il Comitato italiano gas (Cig) ha redigere la nuova norma Uni/CT 112, che propone 4 specifici progetti che intendono sostituire le parti da 1 a 4 della Uni 7133 sull’odorizzazione di gas per uso domestico e similare.
La revisione, spiega una nota, “introduce in maniera esplicita la definizione di biometano, considerando questa fonte rinnovabile tra i gas combustibili per i quali valutare il grado di odorizzazione”.
In particolare, il progetto Uni 1604620 fornisce le definizioni dei principali termini utilizzati; l’Uni 1604621 definisce i criteri base per l’odorizzazione dei gas combustibili, le modalità per determinare le concentrazioni di odorizzante, i sistemi di controllo delle intensità di odore e del grado di odorizzazione; l’Uni 1604622 stabilisce come determinare le caratteristiche olfattive di fluidi odorosi (rinoanalisi) mediante prove di laboratorio o in campo; l’Uni 1604623 fissa le caratteristiche olfattive degli odorizzanti e stabilisce ulteriori requisiti di compatibilità con i materiali utilizzati nelle reti di distribuzione.
I 4 progetti sono stati adesso sottoposti a un’inchiesta pubblica preliminare che terminerà il prossimo 23 maggio.

 

Energy Morning è un servizio di informazione su fatti e notizie relativi al mondo dell'energia. In quanto tale, i contenuti non riflettono direttamente né indirettamente la visione e la strategia di Snam sugli argomenti trattati.
 

Page Alert
ultimo aggiornamento
14 maggio 2018 - 17:35 CEST