Login    

Biometano, gli stakeholder si riuniscono a Milano

La filiera vuole cogliere le opportunità del settore. Il convegno LE2C, Regione Lombardia e Rse

20180517_1.jpgSi è tenuto lunedì 14 a Milano il convegno “Dagli scarti al biometano. Traiettorie concrete per un settore in espansione”, organizzato dal cluster tecnologico lombardo LE2C , Regione Lombardia e Rse con l’obiettivo proprio di mettere in contatto stakeholder, operatori ed esperti per mettere a fuoco tutte le potenzialità del settore.
“Produrre biometano dal biogas è un’operazione abbastanza semplice e presenta diversi vantaggi”, ha sottolineato Luigi Mazzocchi, direttore dipartimento tecnologie di generazione di Rse, “lo scoglio da superare è quello del costo: un metro cubo di biometano costa il doppio del prezzo all’ingrosso del gas naturale” e “per questo sono stati previsti degli incentivi che insieme all’ottimizzazione della filiera delle biomasse, all’affinamento dei processi, alla concorrenza porteranno a una diminuzione dei costi per arrivare all’attesa market parity”.
“Il confronto è fondamentale visto il coinvolgimento di diverse filiere, oltre a quella di energia ed ambiente anche quella dell'agricoltura, della chimica verde e della mobilità”, ha spiegato dal canto suo il presidente di LE2C, Luca Donelli, rimarcando che “con Regione Lombardia e Rse abbiamo potuto approfondire i tre pilastri alla base dello sviluppo di questo settore: incentivi, norme autorizzative e tecnologia”.
Al convegno, nel corso del quale è intervenuto anche Luciano Barra del Mise, hanno preso parte Assogasmetano, Cib, Cic, Eni, Federmetano, Fiper, Gse e Snam.

 

Energy Morning è un servizio di informazione su fatti e notizie relativi al mondo dell'energia. In quanto tale, i contenuti non riflettono direttamente né indirettamente la visione e la strategia di Snam sugli argomenti trattati.
 

Page Alert
ultimo aggiornamento
16 maggio 2018 - 15:44 CEST