Login    

Mobilità sostenibile: nasce il consorzio europeo dei bus a idrogeno

Impegno per mettere sulle strade del Continente 1.000 mezzi fuel cell. Dalla Ue 40 mln € di fondi

Mettere sulle strade europee 1.000 autobus a idrogeno, realizzando contestualmente le necessarie infrastrutture di rifornimento. È questo l’obiettivo di H2Bus Consortium, il consorzio per i bus fuel cell fondato nei giorni scorsi da Everfuel, Wrightbus, Ballard Power Systems, Hexagon Composites, Nel Hydrogen e Ryse Hydrogen.
“È essenziale che i player del settore uniscano le forze per realizzare la vera mobilità a emissioni zero", afferma David Barnett, capoo dello sviluppo commerciale di Wrightbus, “l’idrogeno una soluzione ideale”.
La prima fase del progetto, che riguarderà 600 veicoli, ha ottenuto il supporto di 40 milioni di euro di fondi Cef (Connecting Europe Facility).
“Il consorzio fornirà pacchetti completi”, sottolinea il ceo di Everfuel, Jacob Krogsgaard, “ offriremo i bus zero emissioni più convenienti per rispondere alla richiesta delle grandi città europee”.

Energy Morning è un servizio di informazione su fatti e notizie relativi al mondo dell'energia. In quanto tale, i contenuti non riflettono direttamente né indirettamente la visione e la strategia di Snam sugli argomenti trattati.
 

Page Alert
ultimo aggiornamento
11 giugno 2019 - 09:29 CEST