CONSENSO ALL’UTILIZZO DEI COOKIE AL PRIMO ACCESSO AL SITO WEB WWW.SNAM.IT

Snam utilizza i cookie nell’ambito di questo sito per assicurarle efficace navigazione. Questo sito utilizza anche i cookie di terze parti. I cookie utilizzati non possono identificare l’utente. Per maggiori informazioni sui cookie impiegati e sulle modalità da seguire per cancellarli, cliccare qui. Continuando la navigazione di questo sito, lei acconsente all’utilizzo dei cookie.

ITEN

Completamento della metanizzazione della Regione Puglia

Nel mese di settembre ’04 è stato messo in esercizio l’ultimo dei gasdotti previsti dal progetto per il completamento della metanizzazione della Regione Puglia che comprendeva la costruzione di circa 170 km di nuovi metanodotti.

Il progetto, oggetto di una convenzione stipulata il 31.05.99 tra Regione Puglia e (allora) Snam S.p.A., consentirà di servire circa 750.000 abitanti distribuiti in 103 comuni mentre ulteriori 35 comuni, con una popolazione di circa 125.000 abitanti, potranno essere alimentati con eventuali nuovi brevi allacciamenti.

L’intervento, suddiviso in tre fasi temporali, ha interessato in particolare le aree regionali del Gargano, Salento e Taranto-Jonica con i seguenti metanodotti:

 
  • derivazione per Cagnano Varano – Carpino (DN 250 mm)
  • derivazione per Sanarica (DN 250 mm)
  • derivazione per Sannicola – Ugento – Tricase (DN 300 mm)
  • potenziamento Brindisi – Arnesano (DN 500 mm)
  • derivazione per Fragagnano con diramazione per Carosino (DN 250 – 200 mm)
  • derivazione per Manduria (DN 200 mm)

Nel corso dei lavori sono state attraversate diverse tipologie di territorio ad alta valenza paesaggistica tra cui il Parco Nazionale del Gargano e, in maniera diffusa, uliveti secolari, nonché numerosi terreni coltivati a vigneti e carciofeti. In tutti questi casi le attività sono state condotte con pista di lavoro ristretta al fine di tutelare e salvaguardare le aree attraversate.

Inoltre, per restituire al paesaggio il suo aspetto originario, tra le attività di ripristino, è stata prestata particolare attenzione al riutilizzo dei materiali lapidei rimossi dai numerosi muri a secco per il rifacimento degli stessi a perfetta regola d’arte.

Page Alert
ultimo aggiornamento
05 agosto 2016 - 16:35 CEST