CONSENSO ALL’UTILIZZO DEI COOKIE AL PRIMO ACCESSO AL SITO WEB WWW.SNAM.IT

Snam utilizza i cookie nell’ambito di questo sito per assicurarle efficace navigazione. Questo sito utilizza anche i cookie di terze parti. I cookie utilizzati non possono identificare l’utente. Per maggiori informazioni sui cookie impiegati e sulle modalità da seguire per cancellarli, cliccare qui. Continuando la navigazione di questo sito, lei acconsente all’utilizzo dei cookie.

ITEN

Biometano in rete

Nei metanodotti Snam viaggia una nuova fonte energetica: rinnovabile, pulita ed efficiente.

Venerdì 30 giugno il primo biometano è stato immesso nella rete nazionale da parte dell’azienda Montello SpA, leader italiano ed europeo nel recupero e riciclo dei rifiuti organici da raccolta differenziata (FORSU).

La produzione annua di biometano a Montello prevista a regime sarà di circa 32 milioni di standard metri cubi, che rappresenta l'equivalente quantitativo di biocarburante per una percorrenza di circa 640 milioni di chilometri da parte di “autoveicoli bio”.

Montello SpA, con una produzione oraria pari a 3750 Smc di biometano, è il primo esempio di impianto industriale presente in Italia in grado di produrre biometano esclusivamente dal trattamento dei rifiuti organici della raccolta differenziata urbana.

Il nuovo impianto, che recupera fattivamente l'umido organico prodotto da circa 6 milioni di abitanti (equivalente al 60% dell’intera Lombardia), non solo non emetterà emissioni in atmosfera, ma è anche il primo impianto in Italia “Carbon Negative”, recuperando dal biogas generato (composto da circa il 60% di metano e da circa il 40% di CO2) 38.000 ton/anno di anidride carbonica (CO2 liquida), destinata a uso tecnico ed alimentare.

Page Alert
ultimo aggiornamento
10 luglio 2017 - 16:05 CEST