Contatti Contatti
img_blank

Piazza Santa Barbara, 7

20097 San Donato Milanese (MI) Italia

Tel. centralino: +39 02.3703.1

Fax: +39 02.3703.9227

E-mail: relazioni.esterne@snam.it

La regolazione in Snam

Snam opera in tutte le attività infrastrutturali della filiera del gas naturale in Italia. Gli aspetti regolatori (costo, accesso e qualità del servizio) ricoprono pertanto un ruolo di estrema rilevanza nel business di Snam e delle società del gruppo.

In particolare, sono riportati di seguito i principali elementi tariffari per ciascuna delle attività regolate svolte da Snam, sulla base del quadro normativo attualmente in vigore.

regolazioni_insnam_top_round_border

La regolazione in SNAM

  • button_trasporto
  • button_distribuzione
  • button_stoccaggio
  • button_rigassificazione
 

Tariffe

Termine periodo:

Il periodo di regolazione di ciascun business è di 4 anni

Dicembre 2013
RAB:

La RAB definisce il valore del capitale investito da una società per fornire il servizio

Costo storico rivalutato
WACC reale pretasse:

Il WACC identifica il rendimento riconosciuto al capitale investito e viene calcolato secondo la metodologia del Capital Asset Pricing Model (CAPM)

6,4% (trasporto)
6,9% (misura)
INCENTIVI su nuovi
investimenti:

Gli investimenti vengono incentivati attraverso una remunerazione aggiuntiva rispetto al tasso di ritorno base (WACC)

+1% per 5 anni (investimenti in sicurezza)
+2% per 7/10 anni (investimenti di sviluppo)
+3% per 10/15 anni (investimenti sviluppo ai punti di entrata)
EFFICIENZA X-factor:

L’efficienza operativa viene fissata attraverso un target annuale di riduzione dei costi operativi per la Società

2,1% opex
 

Codici

Data approvazione: Luglio 2003
Accesso al sistema: TPA regolato
Principali caratteristiche: Modello Entry-Exit
Regime di bilanciamento di mercato
 

Tariffe

Termine periodo:

Il periodo di regolazione di ciascun business è di 4 anni

Dicembre 2013 (2)
RAB:

La RAB definisce il valore del capitale investito da una società per fornire il servizio

Costo storico rivalutato
Metodo parametrico cespiti centralizzati
WACC reale pretasse:

Il WACC identifica il rendimento riconosciuto al capitale investito e viene calcolato secondo la metodologia del Capital Asset Pricing Model (CAPM)

7,6% - distribuzione (2)
8,0% - misura
INCENTIVI su nuovi
investimenti:

Gli investimenti vengono incentivati attraverso una remunerazione aggiuntiva rispetto al tasso di ritorno base (WACC)

+2% per 8 anni (sostituzione tubazioni in ghisa e rinnovo sistemi di odorizzazione gas
EFFICIENZA X-factor:

L’efficienza operativa viene fissata attraverso un target annuale di riduzione dei costi operativi per la Società

3,2% opex distribuzione
3,6% opex misura
 

Codici

Data approvazione: Giugno 2007
Accesso al sistema: TPA regolato
 

Tariffe

Termine periodo:

Il periodo di regolazione di ciascun business è di 4 anni

Dicembre 2014
RAB:

La RAB definisce il valore del capitale investito da una società per fornire il servizio

Costo storico rivalutato
Deduzione Costi Ripristino riconosciuti
WACC reale pretasse:

Il WACC identifica il rendimento riconosciuto al capitale investito e viene calcolato secondo la metodologia del Capital Asset Pricing Model (CAPM)

6,7%
INCENTIVI su nuovi
investimenti:

Gli investimenti vengono incentivati attraverso una remunerazione aggiuntiva rispetto al tasso di ritorno base (WACC)

+4% per 8 anni (sviluppo siti di stoccaggio esistenti)
+4% per 16 anni (nuovi siti di stoccaggio)
EFFICIENZA X-factor:

L’efficienza operativa viene fissata attraverso un target annuale di riduzione dei costi operativi per la Società

0,6% opex
 

Codici

Data approvazione: Ottobre 2006
Accesso al sistema: TPA regolato
Principali caratteristiche: Hub virtuale
 

Tariffe

Termine periodo:

Il periodo di regolazione di ciascun business è di 4 anni

Dicembre 2013 (1)
RAB:

La RAB definisce il valore del capitale investito da una società per fornire il servizio

Costo storico rivalutato
WACC reale pretasse:

Il WACC identifica il rendimento riconosciuto al capitale investito e viene calcolato secondo la metodologia del Capital Asset Pricing Model (CAPM)

7,6% (1)
INCENTIVI su nuovi
investimenti:

Gli investimenti vengono incentivati attraverso una remunerazione aggiuntiva rispetto al tasso di ritorno base (WACC)

+2% per 8 anni (sviluppo capacità terminali esistenti <30%)
+3% per 16 anni (nuovi terminali o sviluppo capacità terminali esistenti >30%)
EFFICIENZA X-factor:

L’efficienza operativa viene fissata attraverso un target annuale di riduzione dei costi operativi per la Società

0,5% opex
 

Codici

Data approvazione: Maggio 2007
Accesso al sistema: TPA regolato
Principali caratteristiche: Servizio integrato di rigassificazione e immissione in rete
regolazioni_insnam_bottom_round_border


NOTE:
(1) IN DATA 7 GIUGNO 2012 E' STATA APPROVATA LA DELIBERAZIONE AEEG 237/2012/R/GAS CHE PROROGA PER IL PERIODO TRANSITORIO OTTOBRE 2012-DICEMBRE 2013 I CRITERI TARIFFARI PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DI RIGASSIFICAZIONE DEL GNL ED AGGIORNA IL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL CAPITALE INVESTITO RICONOSCIUTO AD UN VALORE PARI A 8,2%

(2) IN DATA 26 LUGLIO 2012 E' STATA APPROVATA LA DELIBERAZIONE  AEEG 315/2012/R/GAS  CHE FISSA L’X-FACTOR PER LA DISTRIBUZIONE AD UN VALORE PARI A 3,0% PER IL 2010, 2,8% PER IL 2011 E 2,6% PER IL 2012 E PER LA MISURA AD UN VALORE PARI A 3,4% PER IL 2010, 3,2% PER IL 2011 E 3,0% PER IL 2012.  IN DATA 26 OTTOBRE 2012 E' STATA APPROVATA LA DELIBERAZIONE  AEEG 436/2012/R/GAS  CHE PROROGA PER IL PERIODO TRANSITORIO GENNAIO 2013 –DICEMBRE 2013  I CRITERI TARIFFARI PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DEI SERVIZI DI DISTRIBUZIONE E MISURA DEL GAS ED AGGIORNA IL TASSO DI REMUNERAZIONE DEL CAPITALE INVESTITO RICONOSCIUTO AD UN VALORE PARI A 7,7% PER LA DISTRIBUZIONE E L’X-FACTOR AD UN VALORE PARI A 2,4% PER LA DISTRIBUZIONE E PARI A 2,8% PER LA MISURA. 

Page Alert ultimo aggiornamento
11 giugno 2013 - 15:31 CEST