CONSENSO ALL’UTILIZZO DEI COOKIE AL PRIMO ACCESSO AL SITO WEB WWW.SNAM.IT

Snam utilizza i cookie nell’ambito di questo sito per assicurarle efficace navigazione. Questo sito utilizza anche i cookie di terze parti. I cookie utilizzati non possono identificare l’utente. Per maggiori informazioni sui cookie impiegati e sulle modalità da seguire per cancellarli, cliccare qui. Continuando la navigazione di questo sito, lei acconsente all’utilizzo dei cookie.

ITEN

Glossario sostenibilità

glossario

Accountability

Letteralmente il termine significa “responsabilità”.
Un'organizzazione è "accountable" se rende conto periodicamente e comunica in modo trasparente alle parti interessate quanto è stato fatto nel corso delle proprie attività. La trasparenza, la condivisione e la capacità di fornire prestazioni, che ne derivano, permette a tutti i soggetti interessati di stabilire la reputazione che l'impresa merita e conseguentemente decide se darle fiducia in futuro.

Agenzie di rating etico

Società incaricate della selezione dei potenziali partecipanti agli Indici Etici. Il rating etico può essere definito un giudizio sintetico su in titolo oggetto di possibile investimento che si basa su criteri di responsabilità sociale ed ambientale.

Area protetta

Area geograficamente definita che è designata o regolata e gestita per raggiungere determinati obiettivi di conservazione. 

(Fonte: Convention on Biological Diversity, 1992)

Basso impatto ambientale

A parità di energia utilizzata, l’anidride carbonica prodotta dalla combustione del gas naturale è il 25-30% in meno rispetto ai prodotti petroliferi e il 40-50% in meno rispetto al carbone. La riduzione delle emissioni per unità di energia prodotta è ulteriormente accentuata dalla possibilità di utilizzare il gas naturale in applicazioni e tecnologie ad alto rendimento come le caldaie a condensazione, gli impianti di cogenerazione e i cicli combinati per la produzione di energia elettrica. Un ciclo combinato a gas con rendimenti del 56-58%, rispetto al rendimento di circa il 40% dei tradizionali cicli a vapore, consente di ridurre le emissioni di CO2 del 52% rispetto a un impianto tradizionale alimentato a olio combustibile e del 62% rispetto a un impianto alimentato a carbone.

Bilancio di Sostenibilità

Si ispira all'approccio del Triple Bottom Line e quindi rende conto della sostenibilità economica (capacità di generare reddito, profitto e lavoro), della sostenibilità sociale (capacità di garantire condizioni di benessere e di crescita equamente distribuite e capacità di rispettare i diritti umani e dei lavoratori) e della sostenibilità ambientale (capacità di salvaguardare le risorse naturali e la possibilità dell'ecosistema di assorbire e tollerare gli impatti) 

(Fonte: Progetto CSR-SC, Ministero del Welfare)

Codice Etico

Definisce con chiarezza i valori e le responsabilità che la Società riconosce, accetta, condivide e assume verso l’interno e l’esterno dell’azienda. Il Codice prevede che tutte le attività debbano essere svolte nell’osservanza della legge, in un quadro di concorrenza leale con onestà, integrità, correttezza e buona fede, nel rispetto degli interessi legittimi di clienti, dipendenti, azionisti, partner commerciali e finanziari e delle collettività in cui la società è presente con le proprie attività.

Nel caso di Snam Rete Gas le funzioni di Garante del Codice Etico sono state assegnate all’Organismo di Vigilanza.

(Fonte: Codice Etico – Snam Rete Gas – Giugno 2008)

Corporate Governance

Insieme di regole, di ogni livello (leggi, regolamenti etc.) che disciplinano la gestione dell'impresa stessa. La corporate governance include anche le relazioni tra i vari stakeholder e gli obiettivi della società. Gli attori principali sono gli azionisti, il management e il consiglio di amministrazione.

Il termine corporate governance è spesso utilizzato per evidenziare le caratteristiche della struttura e del funzionamento degli organi di governo e di controllo di un’azienda, le loro interrelazioni ed il loro rapporto con gli organi rappresentativi degli azionisti e della struttura direzionale

(Fonte: Trasparenza informativa e correttezza gestionale: contenuti e condizioni di contesto, in AA.VV., Scritti di economia aziendale in memoria di Raffaele D’Oriano, Tomo I, Cedam, Padova)

Corporate Social Responsibility (CSR)

La Corporate Social Responsibility (anche detta Responsabilità di impresa) è l’insieme dei comportamenti che le imprese dovrebbero adottare al fine di condurre le proprie attività in maniera responsabile nei confronti della società nel suo complesso contribuendo allo Sviluppo Sostenibile. 

(Fonte: Rapporti con gli stakeholder e problematiche di responsabilità sociale di impresa – ENI – Settembre 2005)

Efficienza energetica

Nell’ambito delle politiche di energy management avviate negli anni scorsi e in corso per i prossimi anni, volte a perseguire azioni di razionalizzazione, contenimento ed ottimizzazione dei consumi energetici, Snam ha ulteriormente rafforzato le attività volte al risparmio energetico e all’utilizzo di energie rinnovabili.

 

Feedback

Letteralmente significa retroazione, reazione, risposta anche se il termine è ormai entrato a far parte del vocabolario italiano. Il concetto di feedback o retroazione ha un ruolo fondamentale nei processi comunicativi. Possiamo individuare nella qualità della retroazione, e nel modo in cui il feedback viene usato nel processo comunicativo, un segnale per una "buona comunicazione". In tal caso si può dire che il significato di una comunicazione sta nel suo risultato. La comunicazione e il feedback ricevuto è un elemento fondamentale per rafforzare e migliorare il rapporto tra la società e i suoi stakeholder.

Fitodepurazione

Nelle centrali di compressione gas, se possibile, vengono  installati impianti di fitodepurazione a ciclo chiuso per il trattamento completo delle acque reflue domestiche prodotte nei siti. Questi impianti consentono di eliminare tale tipologia di scarico in quanto le acque reflue vengono trattate ed interamente assorbite dalla vegetazione piantumata, previa separazione del materiale solido sedimentabile.

La fitodepurazione è un sistema che utilizza arbusti, piante e fiori in alternativa ai tradizionali sistemi depurativi

La possibilità e la modalità di funzionamento della depurazione dipendono fondamentalmente dal comportamento dei vegetali utilizzati. Le piante hanno un’elevata capacità d’assorbire e quindi di utilizzare alcuni elementi impedendo loro di arrivare ai corpi idrici superficiali o sotterranei; favoriscono inoltre la vita dei microrganismi del suolo che attaccano e demoliscono una buona parte degli inquinanti organici

Per esplicare la loro funzione i vegetali necessitano di un ambiente che garantisca la disponibilità di luce, acqua, isolamento termico e degli elementi chimici necessari ad operare le sintesi organiche. Il terreno è pertanto un componente essenziale di questo ambiente in quanto fornisce sostegno e nutrimento alle piante. Nei sistemi di fitodepurazione gli habitat naturali per lo sviluppo delle piante sono ricostruiti artificialmente; gli inquinanti sono rimossi mediante complessi processi biologici e chimico-fisici tra i quali molto importante è la cooperazione tra piante e microrganismi, i quali trovano in esse o nelle loro vicinanze un habitat favorevole.

GRI (Global Reporting Initiative)

Associazione indipendente internazionale che ha come missione lo sviluppo e la divulgazione globale di linee guida sul reporting di Sostenibilità, la cui ultima versione disponibile è chiamata “Sustainability Reporting Guidelines” version 3.0. Queste linee guida riportano i principi e gli indicatori che le organizzazioni possono usare per misurare e pubblicare dati relativi alle proprie performance economiche, sociali e ambientali.

Indicatori

Un indicatore è una variabile quantitativa o qualitativa che rileva e descrive con semplicità dei “fenomeni” anche complessi e di difficile rappresentazione. Questa attività di misurazione serve a definire gli obiettivi strategici per realizzare un piano di Sostenibilità; permette di monitorare gli sforzi realizzati per raggiungere gli obiettivi; infine consente di valutare i risultati ottenuti e di confrontarli nel tempo. Gli indicatori possono essere indicatori semplici e indicatori composti (derivanti dalla combinazione di due o più indicatori semplici).

Indice di borsa etico

Gli indici di borsa etici si caratterizzano per i criteri di selezione dei titoli che ne fanno parte. La scelta avviene privilegiando, accanto alla performance finanziaria, comportamenti improntati alla responsabilità sociale delle imprese.

I principali indici etici nei mercati internazionali sono i Dow Jones Sustainibility Indexes, il Ftse4Good e l’Ethical Index Euro.

Investimento socialmente responsabile

L’investimento socialmente responsabile (SRI, acronimo di socially responsible investment) è la pratica in base alla quale considerazioni di ordine ambientale e/o sociale integrano le valutazioni di carattere finanziario che vengono svolte nel momento delle scelte di acquisto o vendita di un titolo o nell’esercizio dei diritti collegati alla sua proprietà. L’SRI si esplica attraverso la selezione di titoli di società, perlopiù quotate, che soddisfano alcuni criteri di responsabilità sociale, cioè svolgono la propria attività secondo principi di trasparenza e correttezza nei confronti dei propri stakeholder.

ISO 14001

L'intera serie ISO 14000 fornisce strumenti manageriali per le organizzazioni che vogliano porre sotto controllo i propri aspetti ed impatti ambientali e migliorare le proprie prestazioni in tale campo.

Una caratteristica chiave di tutti i requisiti ISO 14000 è la loro natura volontaria. "Volontaria", in questo caso, significa l'assenza di alcuna costrizione legislativa al loro utilizzo. La decisione di applicare i requisiti ISO 14000 è pertanto una decisione di tipo strategico da prendersi a cura della direzione aziendale.

L' ISO 14001 è la norma che può essere attuata da qualsiasi tipo di organizzazione che intenda conseguire un miglioramento nell'esercizio delle proprie attività attraverso l'adozione di un sistema di gestione ambientale (1).

Lo standard ISO 14001 (recepita in Italia nella norma UNI EN ISO 14001:1996 e successivamente UNI EN ISO 14001:2004) è uno standard certificabile, ovvero è possibile ottenere, da un organismo di certificazione accreditato che operi entro determinate regole, attestazioni di conformità ai requisiti in essa contenuti. 

(1) (Fonte: ISPRA – EX APAT http://www.apat.gov.it - Le norme della serie ISO 14000)

KPI di Sostenibilità

Un indicatore chiave (Key Performance Indicator - KPI) è un indicatore quantitativo che permette di monitorare specifici obiettivi strategici collegati alla politica di sostenibilità in un’ottica di miglioramento continuo. Viene rilevato con una frequenza prestabilita, generalmente più elevata rispetto agli altri indicatori, e consente di valutare l’andamento nel tempo dei risultati indipendentemente dalle variazioni di attività.

Lettera di Assurance

La lettera di assurance è un’attestazione di conformità redatta da parte della società di revisione incaricata per la certificazione del Bilancio di Sostenibilità. Per l’anno 2008, il processo di assurance è stato seguito da PricewaterhouseCoopers (PwC), la stessa società di revisione che certifica il Bilancio di Esercizio.

Il processo diassurance del Bilancio di Sostenibilità si basa sullo standard ISAE 3000, emesso nel 2004 dall'International Auditing and Assurance Standard Board (IAASB), lo stesso organismo deputato all'emanazione dei principi di revisione contabile. L’attività è stata svolta al fine di valutare l’affermazione del Consiglio di Amministrazione secondo la quale il Bilancio è stato redatto secondo quanto previsto dalle “Sustainability Reporting Guidelines” version 3.0 emesse dal GRI (Global Reporting Initiative).

(Fonte: Snam Rete Gas - Bilancio di Sostenibilità 2008 Cap. Lettera di Assurance)

Missione

La missione (mission) di un'impresa, o più in generale di qualsiasi organizzazione, è il suo scopo ultimo, la giustificazione stessa della sua esistenza, e al tempo stesso ciò che la contraddistingue da tutte le altre. La missione stabilisce finalità e scopi fondamentali che l'impresa intende perseguire e le conseguenze che intende generare attraverso le sue attività; essa è la ragione d'essere delle attività intraprese dall'organizzazione.

ONG

L’acronimo O.N.G. sta per Organizzazione Non Governativa, un termine che indica una qualsiasi organizzazione o gruppo locale, nazionale o internazionale di cittadini che non sia stato creato da un Governo, cioè che non faccia parte di strutture governative, e che sia impegnato, senza alcuno scopo di lucro, nel settore della solidarietà sociale e della cooperazione allo sviluppo. La definizione trova la sua fonte nella legge 49/87 e identifica quelle Organizzazioni che, dopo un’istruttoria molto selettiva, ottengono dal Ministero degli Esteri un riconoscimento di idoneità per la gestione di progetti di cooperazione.

I progetti delle ONG hanno come base di partenza il rispetto assoluto dei criteri di giustizia e di equità, i loro campi di intervento sono molto vasti e riguardano, a vari livelli, la politica estera, l’economia, la difesa dei diritti umani, la globalizzazione, la questione del debito estero, le relazioni tra Nord e Sud del mondo, ma, soprattutto, la pace.

Stakeholder

Individui o gruppi che risultano portatori di interesse nei confronti dell'impresa e in particolare che, riguardo alle attività delle società o a uno specifico progetto:

  • potrebbero subire effetti positivi o negativi;
  • hanno o potrebbero esercitare qualche influenza su di essi;
  • sono interessati ai risultati e alle conseguenze che ne possono derivare.

Alcune categorie di stakeholder possono essere: azionisti (o shareholder), dipendenti, clienti, fornitori, istituzioni pubbliche, concorrenti, comunità locali, gruppi di pressione, mezzi di comunicazione di massa, ecc.

(Fonte: Rapporti con gli stakeholder e problematiche di responsabilità sociale di impresa – ENI – Settembre 2005)

Stakeholder engagement

Il processo complessivo attraverso il quale gli stakeholder della società sono identificati, analizzati, consultati. 

Un coinvolgimento degli stakeholder efficace e strategicamente allineato può:

  • condurre ad uno sviluppo sociale più equo e sostenibile dando a chi ha il diritto di essere ascoltato l’opportunità di essere coinvolto nei processi decisionali;
  • permettere una migliore gestione del rischio e accrescere la reputazione;
  • tenere conto dell’insieme delle risorse (conoscenza, persone, disponibilità economica e tecnologica) per risolvere problemi e raggiungere obiettivi che non possono essere perseguiti dalle singole organizzazioni;
  • permettere la comprensione in profondità dell’ambiente in cui opera l’impresa, compresi gli sviluppi del mercato e l’identificazione di nuove opportunità strategiche;
  • consentire alle imprese di imparare dagli stakeholder, ottenendo risultati nei prodotti e miglioramenti nei processi;
  • informare, educare e influenzare i portatori di interessi e l’ambiente esterno perché migliorino i loro processi decisionali e le azioni che hanno un impatto sull’impresa e sulla società;
  • costruire la fiducia tra un’impresa e i suoi stakeholder.

(Fonte: Il Manuale dello Stakeholder Engagement - VOLUME 2: Il MANUALE PER IL PROFESSIONISTA dello STAKEHOLDER ENGAGEMENT -AccountAbility, United Nations Environment Programme, Stakeholder Research Associates – Ottobre 2005)

Sviluppo sostenibile

Esistono oltre trecento definizioni ufficiali di sviluppo sostenibile. La prima in ordine cronologico e la più nota è quella contenuta nel Rapporto Brundtland:"Sviluppo che soddisfa le necessità delle attuali generazioni senza compromettere la capacità delle future generazioni di soddisfare le proprie". Lo sviluppo sostenibile si fonda sull'integrazione di 10 componenti: ambiente, economica, socio-cultura (dimensioni dello sviluppo), equità sociale, equità interlocale, equità intertemporale (dimensione di equità), diversità, sussidiarietà, partnership e networking e partecipazione (principi di sistema). Da segnalare anche la definizione ONU del 1992: "Per sviluppo sostenibile si intende un miglioramento di qualità della vita, senza eccedere la capacità di carico degli ecosistemi alla base" e la definizione ICLEI del 1994: "Sviluppo che offre servizi ambientali, sociali ed economici di base a tutti i membri di una comunità, senza minacciare l'operabilità dei sistemi naturale, edificato e sociale da cui dipende la fornitura di tali servizi".

Verifica esterna

La verifica esterna è l’attività svolta da un ente terzo per accettare la conformità degli strumenti di responsabilità etico-sociale adottati dall'impresa. Genera credibilità e reputazione e stimola il miglioramento continuo.

Page Alert
ultimo aggiornamento
30 agosto 2016 - 14:16 CEST