CONSENSO ALL’UTILIZZO DEI COOKIE AL PRIMO ACCESSO AL SITO WEB WWW.SNAM.IT

Snam utilizza i cookie nell’ambito di questo sito per assicurarle efficace navigazione. Questo sito utilizza anche i cookie di terze parti. I cookie utilizzati non possono identificare l’utente. Per maggiori informazioni sui cookie impiegati e sulle modalità da seguire per cancellarli, cliccare qui. Continuando la navigazione di questo sito, lei acconsente all’utilizzo dei cookie.

ITEN

Sostenibilità delle infrastrutture

test

La salvaguardia dell'ambiente è parte integrante nella definizione delle politiche aziendali e nelle decisioni di investimento per tutte le attività di Snam

Nello sviluppo di nuovi insediamenti Snam risponde a:

  • criteri di fattibilità tecnico-economica
  • valutazioni di compatibilità ambientale e di sicurezza


Al di là dei criteri di fattibilità economica, le valutazioni degli effetti sull’ambiente circostante riguardano tutte le fasi del ciclo di vita dell’opera (localizzazione, progettazione, realizzazione, esercizio e dismissione) e vengono effettuate tramite la procedura di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA), al termine della quale le amministrazioni rilasciano le autorizzazioni necessarie per procedere.

Il Parco della Majella – Racconti dal territorioNello sviluppo della rete dei gasdotti, la fase di progettazione prevede la scelta del tracciato tra diverse alternative, cercando di evitare o di ridurre al minimo il passaggio in aree di rilevante interesse naturale o culturale, aree archeologiche, aree geologicamente instabili e aree attualmente abitate o nel breve tempo.

 

La fase di costruzione prevede l’utilizzo, compatibilmente con la fattibilità tecnica, di procedure e tecnologie che riducono le interferenze con l’ambiente circostante. Ad esempio: la riduzione della larghezza della fascia di lavoro, la minimizzazione delle infrastrutture di cantiere provvisorie e le tecniche esecutive “trenchless” (tunnel e microtunnel) in alternativa agli scavi tradizionali.

Terminata la fase di costruzione viene effettuata un’accurata operazione di ripristino ambientale in modo da riportare il terreno nelle condizioni originali e successivamente, nella fase di dismissione le infrastrutture vengono rimosse in accordo con le Autorità competenti. In alcuni casi, proprio per salvaguardare la biodiversità ricostituita, viene valutata la possibilità di mantenere la tubazione interrata (previa inattività), evitando così ulteriori attività di cantiere. Esempi di ripristini ambientali particolarmente importanti si possono trovare nella sezione Racconti dal territorio e nelle pubblicazioni sui Sentieri Sostenibili.

 

alt

Scopri il sistema gas italiano e lo sviluppo di Snam

Approfondisci
Global compact

Scopri le nuove tecnologie utilizzate da Snam

Approfondisci
Documenti utili

Leggi i racconti di Snam sul territorio

Approfondisci
Page Alert
ultimo aggiornamento
25 agosto 2016 - 17:13 CEST