Login    

I nostri obiettivi

test

La lotta ai cambiamenti climatici è per Snam un tema materiale. Innovazione tecnologia, ricerca e buone pratiche sono leve per il conseguimento della sostenibilità ambientale e arrivare a ridurre al 2021 le emissioni di gas naturale del 10%.

alt2

Aggiornato il  portale fornitori: uno strumento che vuole offrire un supporto teorico e pratico per una maggiore sostenibilità dei fornitori stessi

alt2

Rafforzare lo stakeholder engagement è una delle priorità per Snam nei prossimi anni

Gli obiettivi che Snam si prefissa in ambito sostenibilità sono composti da tre elementi: aree di miglioramento, definite ogni anno su un orizzonte temporale in linea con il piano aziendale, target quantitativi di miglioramento definiti attraverso key performance indicators (KPI) e come richiesto dai GRI standard, l'analisi strutturata della propria materialità.

La definizione dei temi materiali parte dall'individuazione delle tematiche segnalate nelle principali linee guida di sostenibilità (ISO 26000, GRI e SDGs) e sono contestualizzate attraverso un processo, a cadenza annuale, che include l’analisi:

  • dello scenario di settore, dell'opinione pubblica, dei peers e delle pressioni sull'aziande 
  • della percezione delle tematiche dal punto di vista degli stakeholder esterni
  • del Codice etico e delle Politiche adottati da Snam
  • della percezione delle tematiche dal punto di vista interno dell'azienda attraverso interviste ai responsabili delle diverse funzioni.
     

Per definire le tematiche più significative si è proceduto ad analizzare sia la percezione dei temi dal punto di vista dell’azienda che la percezione delle tematiche dal punto di vista degli stakeholder (compresi i dipendenti), attraverso un’apposita survey on line.
La considerazione congiunta della significatività interna ed esterna ha portato all’individuazione delle aree prioritarie e di materialità.

Le aree di miglioramento discendono dall'analisi di materialità e sono un tassello importantissimo del modello di gestione della sostenibilità perché traducono in un’ottica di breve-medio periodo gli obiettivi sostenibili dell'azienda e costituiscono la base per l'individuazione di progetti di investimento e altre iniziative che vanno a costituire il Sustainability Development Plan di Snam.
In pratica rappresentano l’output finale dell'analisi di materialità che viene condotta dall’unità sostenibilità in collaborazione con tutte le funzioni aziendali e le società controllate. Una volta sottoposte al Comitato di sostenibilità di Snam, le aree di miglioramento vengono inviate alle funzioni aziendali competenti di Snam e delle società controllate che le utilizzano per pianificare gli obiettivi.

I key performance indicators (KPI), scaricabili nel file Excel seguente, permettono di monitorare specifici obiettivi strategici collegati alla politica di sostenibilità in un’ottica di miglioramento continuo. I progetti relativi a tali obiettivi coinvolgono tutte le società di Snam che lavorano insieme per il raggiungimento di un obiettivo comune. Il termine temporale per il raggiungimento dei target quantitativi prefissati variano, dal 2017 al 2021, in funzione dei diversi progetti.

Andamento performance rispetto ai KPI (xls 12kb)

La tabella successiva riassume le aree di miglioramento (obiettivi 2017-2021), e come Snam ha lavorato nel 2017 per raggiungere gli obiettivi fissati in precedenza.

 

AREA DI MIGLIORAMENTO OBIETTIVI DEL PIANO PRECEDENTE AZIONI SVOLTE NEL 2017 OBIETTIVI 2017 - 2021

 

 

 

 

 

 

Gestione del governo societario e Anticorruzione


 

Mantenere un livello di governance allineato alle best practice internazionali

Snam ha collaborato con il Ministero degli Affari Esteri partecipando alla “VIII Conferenza Italia – America Latina e Caraibi” cui hanno preso parte i Ministri Giustizia latino-americani e Autorità italiane e, nell’ambito del Business Integrity Day, all’ “Italian Business Integrity Day” tenutosi presso l’Ambasciata italiana di Washington, insieme ad altre società aderenti al progetto Business Integrity Forum di Transparency International IT.

  • Mantenere un livello di governance allineato alle best practice internazionali monitorandone la conformità alle leggi e ai Codici di autodisciplina

Mantenere attivo il sistema strutturato delle segnalazioni inerenti al sistema di controllo interno, al Codice Etico, al Modello 231 e in generale all'Etica di Impresa

Ricevute 5 segnalazioni e svolti 44 audit interni

  • Mantenere il Modello 231 di Snam e delle società controllate aggiornato alle evoluzioni legislative, giurisprudenziali e organizzative, assicurando l'attività di Risk Assessment e il coordinamento con gli Organismi di Vigilanza 
  • Mantenere il sistema strutturato delle segnalazioni inerenti al sistema di controllo interno allineato alle migliori pratiche internazionali (in particolare l'Ombudsman)

Proseguire l'attività di monitoraggio della Procedura Anticorruzione

Mantenuto attivo il Compliance Program Anticorruzione. Nel corso del 2017 Snam ha collaborato con l’OCSE partecipando, come prima azienda italiana del settore privato, al Business and Industry Advisory Committee (BIAC). 

Mantenere l'attività e le regole anticorruzione (compliance programme) allineate alle migliori pratiche internazionali, valutando periodicamente elementi innovativi da introdurre

Erogare attività formativa su Anticorruzione

Erogate 327 ore di formazione con 112 partecipazioni

Erogare corsi formativi ai neo assunti e altri percorsi formativi specifici per il personale

 

 

 

Trasparenza della gestione
 

Sviluppare analisi e studi di fattibilità per realizzare strumenti di rendicontazione che integrino informazioni finanziarie e CSR 

Realizzata la Relazione finanziaria con l'integrazione nella Relazione di Gestione delle informazioni di CSR e pubblicata la prima Dichiarazione di carattere Non Finanziario come sezione distinta della Relazione sulla Gestione

Implementare gli strumenti di rendicontazione che integrino informazioni finanziarie e CSR


Proseguire l'attività di analisi delle verifiche reputazionali su fornitori e subappaltatori 

Realizzate 1.810 analisi reputazionali su fornitori e subappaltatori

Mantenere e implementare le Analisi Reputazionali su fornitori e altre terze controparti al fine di prevenire, anche oltre i criteri di legge, infiltrazioni da parte di organizzazioni criminali
  • Erogare attività formativa su codice Etico e Modello 231 e anticorruzione
  • Consolidare i percorsi dedicati a tutto il personale del Gruppo in materia di Antitrust e Privacy
  Aggiornare e implementare l’attività di formazione e informazione ai dipendenti e fornitori del Gruppo Snam nelle materie di etica d’impresa e in particolare in relazione a Prevenzione degli illeciti, Antitrust e Privacy

 

Diritti Umani

Verificare, attraverso survey di business intelligence, il rispetto dei diritti umani e delle normative anti-corruzione verso i soggetti terzi (fornitori e clienti)
 
 
Valutati il 100% dei fornitori strategici sulla sostenibilità

Disegnare e implementare un sistema di monitoraggio del rispetto dei diritti umani da parte fornitori e subappaltatori

Partecipare alle attività promosse dal Global compact Proseguita la partecipazione alle attività promosse dalla Fondazione Global Compact Italia Partecipare alle attività promosse dal Global compact
Employer Branding   Presentato nel 2018  il nuovo sito internet in linea con la nuova identità societaria Rafforzare la notorietà del marchio e del posizionamento di Snam all'interno e all'esterno dell'azienda, attivando iniziative e strumenti di comunicazione in linea con l'evoluzione del business

 

Risk & Crisis management

Estendere il modello ERM all'individuazione e misura delle opportunità e consolidarlo come strumento a supporto dei processi di business
  • Nel corso del 2017 sono stati completati i cicli di risk assessment, secondo il modello sopra descritto, che hanno coinvolto tutto il Gruppo Snam. A fine 2017 risultano mappati circa 136 rischi enterprise suddivisi tra tutti i processi aziendali
  • È stato inoltre avviato nel 2017 un progetto con l’obiettivo di definire e implementare un modello integrato di risk assessment che, attraverso un unico strumento informatico e un’unica banca dati, razionalizzi e integri tutti i flussi informativi 
  • Progettare ed avviare iniziative per rafforzare il risk based thinking all’interno del Gruppo.
  • Rafforzare la cultura del risk management nella catena della fornitura.
  • Allineare costantemente il sistema organizzativo e normativo, ai risultati delle analisi ERM
Implementare soluzioni tecnologiche a supporto del processo di Continuity Management Snam ha sviluppato nel 2017 un nuovo strumento a supporto della governance dei rischi di Cyber Security, che a partire dalle segnalazioni provenienti dalle soluzioni di Cyber Protection sia in grado di misurare l’esposizione dei propri sistemi e processi a minacce informatiche avanzate Sviluppare ed aggiornare i Sistemi di Gestione della Continuità Operativa e della Sicurezza delle Informazioni nonché i modelli di Crisis Management e Cyber Defense

 

 

AREA DI MIGLIORAMENTO OBIETTIVI DEL PIANO PRECEDENTE AZIONI SVOLTE NEL 2017 OBIETTIVI 2017 - 2021
Sviluppo e valorizzazione del capitale umano Accrescere il patrimonio di capacità e competenze delle persone
  • Offerta la possibilità a 42 persone di diverse unità aziendali di ottenere la certificazione Green Belt all’interno del programma Lean Six Sigma
  • Erogate oltre 85.346 ore di formazione con il coinvolgimento del 75,4% della popolazione aziendale
Valorizzare le competenze interne ed esterne attraverso opportune iniziative di change management e di formazione (progetto Lean e Snam Institute)
Salute e Sicurezza 
 
 
 

Proseguire le azioni intraprese dal progetto "Obiettivo Sicurezza" coinvolgendo più attività aziendali

  • Premiati 13 gruppi omogenei (9 trasporto e 4 stoccaggio) su un totale di 18 gruppi omogenei (12 trasporto e 6 stoccaggio) per il Premio zero infortuni
  • Mantenuti bassi i valori degli indici infortunistici
  • Proseguite le attività di formazione con circa 9.675 ore erogate e 1.702 partecipazioni

Rinnovare e implementare  il nuovo progetto per la sicurezza sul lavoro

 
 Predisporre piani di indagini ambientali nei luoghi di lavoro Realizzate 279 indagini ambientali

Predisporre piani di indagini ambientali nei luoghi di lavoro

 
Sviluppare iniziative di sensibilizzazione in materia di sicurezza per i fornitori
  • Realizzato il workshop fornitori all'interno del Partners' day e aggiornato il Portale Fornitori
  • Ridotti gli indici infortunistici (frequenza -24%) 
Sviluppare iniziative di sensibilizzazione in materia di sicurezza per i fornitori
 
Welfare Implementare il nuovo piano di Welfare con l'obiettivo di offrire un pacchetto più ampio di servizi
  • Istituito il “Premio Welfare” con cui sarà possibile, in alternativa al totale pagamento dell’importo individuale del Premio di Partecipazione, scegliere volontariamente se convertire una percentuale del Premio in Credito Welfare utilizzabile per acquistare servizi, per sé o per i propri familiari
  • Concluso l'approccio sperimentale di Smart working con l'obiettivo di renderlo definitivo
  • Sviluppare piani di welfare
  • Implementare attività di Smart working
Diversità e pari opportunità   Nel corso dell’anno 40 dipendenti (80% donne) hanno partecipato a oltre 20 corsi organizzati da Valore D Sviluppare modalità per la valorizzazione della diversity and inclusion: partnership come socio sostenitore di Valore D

 

AREA DI MIGLIORAMENTO OBIETTIVI DEL PIANO PRECEDENTE AZIONI SVOLTE NEL 2017 OBIETTIVI 2017- 2021

 
 

 Supply Chain
Implementare un nuovo sistema informativo a supporto del processo di qualifica e di valutazione delle prestazioni dei fornitori nel 2017 per le attività HSE sono stati predisposti nuovi indicatori di controllo (KPI) per valutare le performance rispetto ad ogni contratto emesso per lavori, servizi e/o beni con montaggio in opera. Ultimare l’implementazione del nuovo sistema informativo a supporto del processo di qualifica e di valutazione delle prestazioni dei fornitori
Attivare e promuovere azioni di coinvolgimento, in una logica di partnership, per migliorare le prestazioni sociali e ambientali
  • A fine 2017, i fornitori registrati al portale erano oltre 1.900 fornitori (+5% rispetto al 2016)
  • Organizzato il Partners'day a cui hanno partecipato anche i fornitori in appositi tavoli tematici
  • Potenziare i contenuti di comunicazione del portale fornitori
  • Sviluppare strumenti per ottenere maggiori informazioni sulla responsabilità sociale e ambientale dei fornitori
  • Incrementare nella vendor list il numero di fornitori di beni in possesso della certificazione ISO 14001
  • Organizzare momenti di incontro e dialogo
Relazioni con i clienti

Incrementare la qualità dei servizi offerti ai clienti

  • Rispettati gli indicatori di qualità previsti dai codici di rete
  • Aggiornato portali per facilitare le operazioni agli utenti

Incrementare la qualità dei servizi offerti ai clienti anche attraverso l'aggiornamento dei sistemi informativi e incontri di approfondimento 

Sviluppare e applicare metodologie di rilevazione del grado di soddisfazione dei clienti e iniziative di coinvolgimento
  • Realizzate le indagini di Customer satisfaction per i tre settori di business
  • Organizzato il Partners'day a cui hanno partecipato i clienti con appositi tavoli tematici
Sviluppare e applicare metodologie di rilevazione del grado di soddisfazione dei clienti e iniziative di coinvolgimento
Relazioni con la comunità e il territorio
 
 
Sviluppare e programmare strumenti innovativi di incontro e di confronto con le PA e con i decisori istituzionali, anche attraverso il coinvolgimento delle Associazioni confindustriali locali  . Partecipazione al gruppo di lavoro CSR di Confindustria.
• Effettuati 106 incontri con PA e associazioni territoriali per l’illustrazione di nuovi progetti.
  • Sviluppare e programmare strumenti innovativi di incontro e di confronto con le PA e con i decisori istituzionali, anche attraverso il coinvolgimento delle Associazioni confindustriali locali
  • Adozione di linee guida aziendali che definiscano le modalità di coinvolgimento sistematico delle comunità locali in occasione di nuove iniziative da parte delle funzioni locali e di quelle periferiche
Attuare iniziative filantropiche coerenti con il business e l’immagine di Snam
  •  Continuate le attività nell’orto sociale nella Centrale di compressione di Terranuova Bracciolini
  • Presentato al Salone di Torino il volume “Un orto nella rete”
  • Inaugurata la mostra interattiva “RE-Source. Il gas naturale nel futuro dell’energia”. La mostra è stata costruita intorno al Quadro Sinottico della rete italiana del trasporto per il controllo remoto dei flussi di
    gas che Snam ha donato al Museo.
  • Destinati a favore del territorio 249 mila euro per liberalità e sponsorizzazioni e circa 5,6 milioni di euro per le compensazioni ambientali
  • Organizzato il progetto Young energy per l'alternanza scuola-lavoro
  • Attuare iniziative filantropiche coerenti con il business e l’immagine di Snam
  • Organizzare momenti di incontro e dialogo con il territorio attraverso attività di educational
Applicare modelli e/o strumenti che consentano di misurare l’accettabilità delle infrastrutture sul territorio Avviata fattibilità per rivisitazione metodologia Applicare modelli e/o strumenti che consentano di misurare l’accettabilità delle infrastrutture sul territorio
  Avviata la Fondazione Snam ed partiti i primi progetti ; Welfare che impresa! e il bando per TESORI con l'intesa firmata con Confagricoltura Perseguire lo sviluppo e l’adozione di pratiche innovative e solidali in grado di favorire lo sviluppo civile, culturale ed economico in aree prioritarie di interesse pubblico
Relazioni con i Media
 
 Rafforzare la comunicazione con i media e complementare l’utilizzo delle nuove tecnologie web
 
Snam si è posizionata al primo posto nella classifica italiana di Webranking KWD che da 15 anni premia le aziende che si distinguono per l’efficacia della comunicazione online ed è prima  nel CSR online award di Lundquist Rafforzare, attraverso il costante coinvolgimento dei media e azioni proattive sulle piattaforme web e social, il ruolo del gas naturale nel mix energetico italiano e globale. 
Nel corso del 2018 è stato presentato il nuovo sito internet in linea con la nuova identità societaria Promuovere nuove iniziative e nuove forme di comunicazione con l’intento di ampliare la platea degli stakeholder e dei potenziali endorser di Snam e del suo modello di business sostenibile dal punto di vista economico, sociale e ambientale
Realizzato il minisito Snam per l'Abruzzo che illustra i nuovi progetti di sviluppo e la loro compatibilità con l'ambiente Progettare nuove modalità e strumenti web con lo scopo di dimostrare la compatibilità delle infrastrutture del gas con contesti ambientali di pregio
Relazioni con le Persone Implementare iniziative di comunicazione e coinvolgimento
  • Implementate nuove newsletter digitali
  • Meeting di cascading del piano strategico aziendale
  • Roadshow dell’Amministratore Delegato sul territorio per presentare il piano strategico
  • Meeting tematici volti a rafforzare il pensiero innovativo e lo spirito di squadra
  • Evento di fine anno in video conferenza per riunire tutta la popolazione aziendale
Implementare iniziative di comunicazione e coinvolgimento 

 Relazioni con gli Azionisti
 
Consolidare l’informativa agli investitori istituzionali e retail 
  • Realizzati 18 road show, nelle maggiori piazze finanziarie europee e nord americane
  • Effettuate 5 conferenze di settore
  • Effettuati 115 incontri “one - to - one” tra il management e gli investitori, ai quali si
    sono aggiunti numerosi group meetings (per un totale di 213 incontri)
Mantenere alta la qualità dei rapporti con le agenzie di rating e l’informativa agli investitori istituzionali e retail 
 Mantenere i rapporti di alta qualità col sistema bancario italiano e internazionale anche in un’ottica di diversificazione della provvista   Mantenere i rapporti di alta qualità col sistema bancario italiano e internazionale anche in un’ottica di diversificazione della provvista 
 

 

AREA DI MIGLIORAMENTO OBIETTIVI DEL PIANO PRECEDENTE AZIONI SVOLTE NEL 2017 OBIETTIVI 2017 - 2021
Tutela del territorio e della biodiversità Proseguire nelle attività di ripristino vegetazionale e ambientale

 Effettuati 203 km di ripristini vegetazionali, eseguito il monitoraggio ambientale di 388 km ed effettuati 21 km di nuovi rimboschimenti

 

Proseguire nelle attività di ripristino vegetazionale e ambientale
 

 Installazione turbine e apparecchiature a basse emissioni Messe in esercizio 3 turbine DLE negli impianti di stoccaggio Installazione turbine e apparecchiature a basse emissioni
Climate Change ed efficienza energetica

Ottimizzare i consumi energetici 

 

Effettuati specifici interventi di "energy management"

 Ottimizzare i consumi energetici
 Incrementare l’utilizzo di energia da fonti rinnovabili
  • Aumentata l’energia prodotta da fonte rinnovabile (+24%)
  • Approvvigionato energia elettrica da fonti rinnovabili
Incrementare l’utilizzo di energia da fonti rinnovabili
Ridurre le emissioni di gas naturale 
  • Ridotte le emissione del 3,2%
  • Recuperati 4,1 Mmc di gas naturale

Ridurre le emissioni di gas naturale

 
  • Pubblicato un bando UE per il rinnovo del parco autoveicoli
  • Messa a disposizione dei dipendenti e loro familiari una convenzione per l'acquisto di veicoli a metano
Dotarsi di un parco automezzi aziendale costituito prevalentemente da macchine a metano
Gestione dei rifiuti e dell'acqua  Realizzare Sistemi Documentali necessari  a sostituire i documenti cartacei attraverso una gestione informatizzata Proseguite le attività di dematerializzazione

Realizzare Sistemi Documentali necessari  a sostituire i documenti cartacei attraverso una gestione informatizzata

Ridurre i consumi idrici ed ottimizzare la gestione degli scarichi idrici 

Nelle sedi che non sono servite da reti fognarie Snam ha installato nel corso degli anni 18 impianti di fitodepurazione a ciclo chiuso Ridurre i consumi idrici ed ottimizzare la gestione degli scarichi idrici 
 
Valorizzazione del gas naturale  
  • Snam ha siglato i primi contratti per lo sviluppo di 19 punti di rifornimento (1 GNL e 18 CNG)
  • Nel corso del 2017 è stato allacciato alla rete il primo impianto di produzione di biometano e sono stati stipulati ulteriori 13 contratti di allacciamento per la realizzazione di nuovi punti di consegna
  • Sviluppare attività per l’utilizzo  del metano per autotrazione
  • Sviluppare attività a supporto per l’utilizzo del biometano 

 

 

alt

Esplora il Report di sostenibilità 2017

Approfondisci
Un orto nella rete

Scopri il nostro "orto nella rete"

Approfondisci
Materialità di Snam

Scopri quali sono i temi materiali di Snam

Approfondisci
Page Alert
ultimo aggiornamento
07 maggio 2018 - 17:08 CEST