Login    

Treni a idrogeno, il Piemonte guida il team europeo di ricerca

Obiettivo “creare una vera e propria economia neutrale dal punto di vista climatico”< /strong>

Il Piemonte è stato scelto per guidare il team europeo che studia l’idrogeno come combustibile per il trasporto su treno.
“È un grande riconoscimento a coronamento di un lavoro iniziato tre mesi fa”, ha commentato l’ assessore all’Ambiente e Innovazione, Matteo Marnati. Il Piemonte – ha aggiunto - si è dimostrato “ autorevole e credibile per la rete di rapporti che ha saputo creare con Bruxelles”. Poche realtà “ hanno il nostro know-how su questo fronte, tant’è vero che siamo il primo produttore europeo di motori a idrogeno” che vengono prodotti dalla Alstom di Savigliano “e che sono venduti alla Germania dove soltanto da pochi mesi circolano i primi treni per il trasporto commerciale, e recentemente anche per le persone”.
“Fondamentale” per la designazione del Piemonte è stato il parere della Regione Auvergne-Rhône-Alpes, con la quale sarà sviluppato il progetto sul versante italo-francese. Il presidente Laurent Wauquiez, in visita a Torino lo scorso mese di settembre, si era infatti detto favorevole “a un gemellaggio”. In quella circostanza era stato siglato anche un patto per ridurre il riscaldamento globale sulle Alpi puntando a progetti di mobilità ed energia pulita.
La Regione – sottolinea una nota - è dunque “working group coordinator” delle cosiddette “ Valli dell'idrogeno” per la mobilità ferroviaria. Il team di ricercatori dell’Università degli Studi di Torino, del Politecnico e del Polo d'innovazione Clever ha l’obiettivo, fissato dalla Ue, “ di sfruttare l’idrogeno non solo come carburante per la mobilità, ma di creare una vera e propria economia neutrale dal punto di vista climatico, entro il 2050”.

Energy Morning è un servizio di informazione su fatti e notizie relativi al mondo dell'energia. In quanto tale, i contenuti non riflettono direttamente né indirettamente la visione e la strategia di Snam sugli argomenti trattati.

Page Alert
ultimo aggiornamento
02 dicembre 2019 - 15:44 CET