Login    

Italia Startup Visa, 481 candidature da 49 Paesi extra-Ue

Illustrati al Mise i risultati del Programma. Manzella: “Strumento strategico per attrarre talenti e innovazione”

Sono finora pervenute 481 candidature da 49 Paesi extra-Ue nell’ambito di Italia Startup Visa, il programma promosso dal Mise per attrarre nuovi investitori che offre l’opportunità di richiedere un visto d’ingresso per lavoro autonomo in Italia attraverso una procedura digitale veloce e gratuita.
I risultati del programma sono stati illustrati lunedì al Mise in un convegno in collaborazione con Invitalia, nel corso del quale è stata presentata un’indagine svolta nel 2019 tra gli imprenditori non Ue che hanno beneficiato della procedura semplificata per avviare una startup innovativa nel nostro Paese.
“Italia Startup Visa è un esempio positivo”, ha commentato il sottosegretario Gian Paolo Manzella, secondo il quale “la politica per le startup deve sempre di più consolidarsi in un quadro più ampio di politica industriale nazionale, dove il Fondo nazionale innovazione rappresenterà un importante supporto al mercato del venture capital in favore delle startup innovative”.
Un ruolo importante nel mondo delle startup, ha aggiunto Manzella, è rivestito anche dalle Regioni e dalla collaborazione con scuole, università e centri di ricerca. Il Mise, ha concluso il sottosegretario, “continuerà a promuovere questo strumento, che si conferma essere una leva strategica di successo per attrarre talenti e innovazione nel nostro Paese”.

Energy Morning è un servizio di informazione su fatti e notizie relativi al mondo dell'energia. In quanto tale, i contenuti non riflettono direttamente né indirettamente la visione e la strategia di Snam sugli argomenti trattati.

Page Alert
ultimo aggiornamento
12 febbraio 2020 - 15:45 CET