Login    

Economia circolare, Italia prima in Ue

Economia circolare, Italia prima in Ue

Ma si registrano segnali di rallentamento. Il rapporto realizzato da Enea e Circular Economy Network

L’Italia si conferma leader in Europa per l’economia circolare. Il nostro Paese, infatti, resta al primo posto tra le cinque principali economie del Vecchio continente nella classifica per indice di circolarità, il valore attribuito secondo il grado di uso efficiente delle risorse in cinque categorie: produzione, consumo, gestione rifiuti, mercato delle materie prime seconde, investimenti e occupazione.
È quanto emerge dal “Rapporto nazionale sull’economia circolare in Italia” 2020, realizzato da Enea e Cen-Circular Economy Network, la rete promossa dalla Fondazione per lo sviluppo sostenibile e da 14 aziende e associazioni di impresa.
Anche se l’Italia resta capofila in Ue (davanti a Germania e Francia) c’è preoccupazione per alcuni segnali che descrivono una frenata. “Oggi registriamo segnali di un rallentamento, precedente anche alla crisi del Coronavirus, mentre altri Paesi si sono messi a correre”, ha commentato Edo Ronchi, presidente del Circular Economy Network. “In Italia gli occupati nell’e conomia circolare tra il 2008 e il 2017 sono diminuiti dell’1%. È un paradosso che, proprio ora che l’Europa ha varato il pacchetto di misure per lo sviluppo dell’economia circolare, il nostro Paese non riesca a far crescere questi numeri”.
L’Italia – sottolinea una nota - di fatto utilizza al meglio “le scarse risorse destinate all’ avanzamento tecnologico e ha un buon indice di efficienza (per ogni chilo di risorsa consumata si generano 3,5 euro di Pil, contro una media europea di 2,24)”. Ma il nostro Paese “è penalizzata dalla scarsità degli investimenti - che si traduce in carenza di ecoinnovazione (siamo all’ultimo posto per brevetti) - e dalle criticità sul fronte normativo”.

Energy Morning è un servizio di informazione su fatti e notizie relativi al mondo dell'energia. In quanto tale, i contenuti non riflettono direttamente né indirettamente la visione e la strategia di Snam sugli argomenti trattati.

Page Alert
ultimo aggiornamento
20 marzo 2020 - 10:58 CET