Login    

Francia, biometano in continua crescita

Francia, biometano in continua crescita

Nel 2019 avviati 47 nuovi impianti, altri 1.134 in progetto per una capacità di 25 TWh/anno

“Una catena di produzione dinamica, che sta entrando nella sua fase di piena industrializzazione”/ / / / / / / / / / . La quinta edizione di “observatoire du biométhane” definisce così la filiera francese del biometano, che negli ultimi anni ha registrato uno sviluppo esponenziale.
Secondo l’osservatorio, pubblicato mercoledì dalla società specializzata Sia Partners, il trend di crescita è proseguito anche nel 2019 con l’avvio di 47 nuovi siti di iniezione, in aumento del 62% rispetto al 2018.
Alla fine di marzo 2020 erano complessivamente in funzione in Francia 139 impianti per una capacità di iniezione complessiva di biometano di 2,5 TWh/anno, principalmente sviluppati da aziende agricole autonome per il 49% concentrate nelle regioni Grand Est, Hauts-de-France, Bretagna e Nouvelle-Aquitaine.
E se il numero di impianti in funzione è in costante aumento, sottolinea Sia Partners, quelli in progetto mostrano una vera e propria esplosione: alla fine del primo trimestre 2020, 1.134 progetti per un totale di oltre 25 TWh/anno avevano richiesto capacità di iniezione nella rete.

Energy Morning è un servizio di informazione su fatti e notizie relativi al mondo dell'energia. In quanto tale, i contenuti non riflettono direttamente né indirettamente la visione e la strategia di Snam sugli argomenti trattati.

Page Alert
ultimo aggiornamento
14 maggio 2020 - 11:50 CEST