Login    

Ue, il ruolo del biometano nella decarbonizzazione dei trasporti

Ue, il ruolo del biometano nella decarbonizzazione dei trasporti

Il nuovo rapporto di Eba e Ngva sulla situazione attuale e le prospettive del settore

Il contributo del biometano per la decarbonizzazione dei trasporti in Europa. E’ questo il tema al centro del rapporto presentato dalle associazioni europee del biogas (Eba) e dei veicoli a gas e biogas (Ngva Europe).
Il report, prima di tutto, evidenzia che “l’ulteriore diffusione del biometano ridurrà significativamente le emissioni dei trasporti nei prossimi anni”. Secondo le stime di Eba e Ngva Europe, “117 TWh di gas rinnovabile potrebbero essere utilizzati come carburante per il trasporto (bio Cng e bio Gnl) entro il 2030”.
Il crescente utilizzo di “carburanti rinnovabili” dovrà però essere accompagnato dallo sviluppo delle stazioni di rifornimento per questi prodotti. Attualmente, “quasi il 25% della rete europea stradale è dotata di punti di rifornimento per il biometano”, si legge in una nota.
Questa rete di stazioni di rifornimento “in rapida crescita” conta ora su 3.840 distributori di Cng e 280 di Gnl “ma è necessario uno sviluppo ancora più rapido per soddisfare le stime attuali al 2030”, spiega il report.


Energy Morning è un servizio di informazione su fatti e notizie relativi al mondo dell'energia. In quanto tale, i contenuti non riflettono direttamente né indirettamente la visione e la strategia di Snam sugli argomenti trattati.

Page Alert
ultimo aggiornamento
19 giugno 2020 - 10:32 CEST