Login    

Mise, bando per il polo industriale di Porto Torres

A disposizione fondi per 22 mln €. Todde, “avviato un percorso per lo sviluppo della Sardegna”

Rilanciare le attività industriali e salvaguardare l’occupazione nel territorio di Porto Torres attraverso il sostegno dei programmi di investimento e sviluppo imprenditoriale previsti dalla legge n. 181/1989. E’ l’obiettivo del bando per la selezione di iniziative imprenditoriali nei territori dell’area di crisi industriale complessa “Polo Industriale di Porto Torres”, in Sardegna, lanciato domenica dal Mise.
La dotazione finanziaria complessiva per l’intervento agevolativo è pari a 22 milioni di euro, di cui 20 milioni di euro a valere sulle risorse del Fondo per la Crescita Sostenibile e 2 milioni di euro a valere sulla Programmazione Unitaria della Regione Sardegna 2014-2020, a titolo di cofinanziamento regionale, secondo quanto definito nell’accordo di programma sottoscritto il 10 agosto scorso da Mise, Mit, Minambiente, Regione Sardegna, Provincia e Comune di Sassari, Comune di Porto Torres, Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sardegna, Anpal e Invitalia.
La sottosegretaria Mise Alessandra Todde ha parlato in una nota di “segnale concreto di impegno verso il territorio sardo portato avanti grazie al lavoro sinergico del Mise con tutte le parti coinvolte”.
Le domande di agevolazione potranno essere presentate a Invitalia dal 15 dicembre 2020 al 15 marzo 2021.

Energy Morning è un servizio di informazione su fatti e notizie relativi al mondo dell'energia. In quanto tale, i contenuti non riflettono direttamente né indirettamente la visione e la strategia di Snam sugli argomenti trattati.

Page Alert
ultimo aggiornamento
17 novembre 2020 - 15:50 CET