Login    

Spagna, Enagás per l’idrogeno alle isole Canarie

Accordo con 20 enti e società, investimento di 100 mln € per produrre 1.000 ton di H2 all’a nno

L’operatore della rete dei gasdotti spagnola Enagás ha lanciato, con il sostegno di una ventina di enti pubblici e società private, un progetto per la decarbonizzazione delle isole Canarie attraverso l’utilizzo dell’idrogeno.
Il progetto, sostenuto anche dal ministero della Transizione, prevede nella prima fase un investimento di 100 milioni di euro, che potrebbe salire a 1 miliardi di euro al 2030 a seconda della crescita del consumo di idrogeno.
L’iniziativa, che mira a ottenere un cofinanziamento Ue, punta alla produzione nella prima fase di circa 1.000 tonnellate di idrogeno verde all’anno in due impianti situati nelle due isole maggiori. L’idrogeno verrebbe utilizzato nei settori energia, industria, servizi e mobilità. Nei trasporti, ini particolare, sono previsti investimenti nei sistemi logistici e per la realizzazione di 30 stazioni di rifornimento di H2 entro il 2030.
Tra i membri del cluster H2 delle Canarie figurano le tre principali società di trasporto pubblico delle isole, Disa, Toyota, le Autorità Portuali di Santa Cruz de Tenerife e di Las Palmas, l’Instituto Tecnológico de Canarias, le Università di Las Palmas de Gran Canaria e di La Laguna e la National University of Ireland.

Energy Morning è un servizio di informazione su fatti e notizie relativi al mondo dell'energia. In quanto tale, i contenuti non riflettono direttamente né indirettamente la visione e la strategia di Snam sugli argomenti trattati.

Page Alert
ultimo aggiornamento
29 aprile 2021 - 08:03 CEST