Login    

Clima, il Mite lancia programma per i centri urbani

Ai Comuni con più di 60.000 abitanti 80 mln € per l’adattamento al riscaldamento globale

Aumentare la resilienza dei centri urbani ai rischi generati dal riscaldamento globale, in particolare le ondate di calore, i fenomeni di precipitazioni estreme e di siccità. È il senso del primo “Programma sperimentale di interventi per l’adattamento ai cambiamenti climatici in ambito urbano”, che stanzia 80 milioni di euro per i Comuni con più di 60.000 abitanti.
Il progetto, nato da un’iniziativa del Mite e in collaborazione con Anci e Ispra, è diventato operativo con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale del decreto direttoriale n. 117 del 15 aprile 2021.
L’obiettivo, spiega il ministero, è favorire la sperimentazione di misure pilota e concrete, con il coinvolgimento di amministrazioni e cittadini, per fronteggiare in modo più efficace le conseguenze del global warming e ridurre la vulnerabilità delle città.
I soldi serviranno per finanziare interventi “green e blue” come la realizzazione di forestazione periurbana, di edilizia climatica, di tetti e pareti verdi, boschi verticali, barriere alberate ombreggianti, di coibentazione e ventilazione naturale, oppure azioni finalizzate al riciclo e riutilizzo delle acque reflue depurate.
Sono previsti pure alcuni lavori “grey”, ad esempio la creazione di piazze, percorsi, giardini, con la rimozione della pavimentazione esistente e il ripristino della permeabilità del suolo o di soluzioni per il drenaggio sostenibile.
Il programma finanzierà inoltre una serie di misure di rafforzamento per migliorare la conoscenza a livello locale, consentire la redazione di strumenti di pianificazione in quest’a mbito, ma anche per garantire sensibilizzazione, formazione e partecipazione sia degli operatori del settore che dei portatori di interesse.
Le domande di ammissione ai fondi potranno essere presentate dai Comuni entro il 6 settembre.

Energy Morning è un servizio di informazione su fatti e notizie relativi al mondo dell'energia. In quanto tale, i contenuti non riflettono direttamente né indirettamente la visione e la strategia di Snam sugli argomenti trattati.

Page Alert
ultimo aggiornamento
09 giugno 2021 - 10:28 CEST