Login    

Mobilità sostenibile e intelligente, Strategia Ue per i droni

“Gli aeromobili senza pilota possono contribuire alla transizione verde e digitale”< /strong>

Garantire lo sviluppo sicuro ed efficiente di un ecosistema per i droni nella Ue. E’ l’o biettivo della “Strategia 2.0” avviata l’8 ottobre dalla Commissione europea con una consultazione che terminerà il prossimo 31 dicembre.
La Strategia, che sarà contenuta in una comunicazione da adottare entro il quarto trimestre 2022, si inquadra in quella più generale per la mobilità sostenibile e intelligente e mira a consentire ai droni di contribuire, attraverso la digitalizzazione e l’automazione, a una nuova offerta di servizi e trasporti sostenibili, oltre che a sfruttare le sinergie tecnologiche civili/militari.
La Commissione spiega che lo sviluppo di servizi attraverso aeromobili senza pilota può dare un importante contributo, se sostenuti da un’industria competitiva, alla doppia transizione Ue verso un’economia verde e digitale e contribuire alla ripresa post-Covid 19, nonché alla futura resilienza dell’economia europea.
La Ue, avverte Bruxelles, deve però assicurare uno sviluppo sicuro ed efficiente di un ecosistema di droni, affrontando i problemi correlati come la sicurezza, la protezione della privacy e la protezione ambientale.

 

Energy Morning è un servizio di informazione su fatti e notizie relativi al mondo dell'energia. In quanto tale, i contenuti non riflettono direttamente nè indirettamente la visione e la strategia di Snam sugli argomenti trattati.

Page Alert
ultimo aggiornamento
12 ottobre 2021 - 14:16 CEST