Accordi per l’innovazione, oltre 500 mln € per le imprese
Login    

Accordi per l’innovazione, oltre 500 mln € per le imprese

I fondi destinati alla ricerca e sviluppo. Domande dal 31 gennaio 2023

Con un decreto del 14 novembre il ministero delle Imprese e del Made in Italy ha reso disponibili 500 milioni di euro, a valere sul Fondo nazionale complementare al Pnrr, che serviranno a finanziare progetti di ricerca e sviluppo nell’ambito del secondo sportello dedicato agli Accordi per l’innovazione, la cui apertura è prevista il 31 gennaio 2023.
A questo intervento si potranno aggiungere ulteriori risorse a seguito della sottoscrizione, entro il 18 gennaio 2023, di Accordi quadro con le Regioni e Province autonome interessate, sottolinea una nota.
Potranno beneficiare delle agevolazioni le imprese di qualsiasi dimensione, anche in forma congiunta, che esercitano attività industriali, agroindustriali, artigiane o di servizi all’i ndustria nonché attività di ricerca. Le imprese agricole potranno partecipare nell’ambito di progetti congiunti.
Tra i criteri di approvazione delle domande previsti per questo secondo sportello sono state introdotte alcune novità, ovvero l’introduzione del divieto per un soggetto proponente di presentare più istanze in qualità di mono proponente o di soggetto capofila di un partenariato e l’a mmissione in istruttoria delle domande non in ordine cronologico bensì in base alla posizione assunta nell’ambito di una specifica graduatoria di merito, nel caso in cui le risorse finanziarie disponibili non consentano l’accoglimento di tutte le domande presentate nello stesso giorno. La graduatoria di merito terrà conto degli aspetti economico-finanziari dei soggetti proponenti e dell’ impatto del progetto.
A partire dal 17 gennaio 2023, sul sito internet di Mediocredito centrale (il soggetto attuatore) sarà possibile procedere con la compilazione guidata della domanda di agevolazione e della ulteriore documentazione.

Energy Morning è un servizio di informazione su fatti e notizie relativi al mondo dell'energia. In quanto tale, i contenuti non riflettono direttamente nè indirettamente la visione e la strategia di Snam sugli argomenti trattati.

Page Alert
ultimo aggiornamento
21 novembre 2022 - 19:51 CET