Login    

Una rete di scuole e imprese per la transizione digitale ed ecologica. Al via il progetto del Consorzio di aziende ELIS per il semestre di presidenza Snam

Elis

Una rete di 110 imprese italiane del Consorzio ELIS ha deciso di avviare una collaborazione con una rete di scuole per promuovere la centralità dei temi legati alla transizione digitale ed ecologica negli istituti superiori. È questo l’obiettivo del nuovo progetto sviluppato negli ultimi sei mesi durante la presidenza Snam del Consorzio ELIS, impegnato nell’inserimento dei giovani nel mondo del lavoro e nella riqualificazione delle competenze di persone senza occupazione.

Il progetto partirà da un primo nucleo di scuole già identificate per poi estendersi a tutte quelle che vorranno aderire alla rete scuole/imprese. Nel contesto della transizione digitale ed ecologica in atto, il progetto si propone di trasmettere le conoscenze tecnico-scientifiche da cui dipenderà sempre più il futuro lavorativo dei giovani, promuovendo allo stesso tempo cultura umanistica e competenze non cognitive, come maturità emozionale, capacità relazionale, comunicazione verbale e non verbale.

L'iniziativa, che partirà in via sperimentale da un gruppo di istituti nell'ambito dell'autonomia scolastica, mira a favorire la convergenza verso nuovi modelli e contenuti formativi, anche attraverso nuovi tirocini e laboratori ed esperienze all'estero, e lo scambio di esperienze e best practices tra scuole di diverse aree del Paese, utilizzando le nuove piattaforme digitali. Le aziende si metteranno anche a disposizione per progetti di sviluppo delle infrastrutture scolastiche in termini di efficienza energetica e digitalizzazione.

Il nuovo programma di presidenza sarà presentato ufficialmente oggi a Villa Blanc a Roma dall'Amministratore Delegato di Snam, Marco Alverà: "Il nostro progetto - commenta Alverà - nasce dalla volontà di un gruppo di imprese di collaborare con le istituzioni e con la scuola per aiutare le nuove generazioni a cogliere le nuove opportunità derivanti dalla rivoluzione digitale, ecologica e neuroscientifica. L’80% dei mestieri del futuro richiederà competenze in questi settori. Dopo sei mesi di confronto con presidi, docenti, studenti e famiglie, vogliamo contribuire, insieme alle istituzioni scolastiche, a disegnare un percorso educativo che combini standard internazionali, nuove metodologie didattiche, coniugando competenze e conoscenze scientifiche e umanistiche. La scuola oggi ha un ruolo sempre più centrale per il futuro dell’I talia, come dimostrano le significative risorse messe a disposizione dal PNRR. Il nostro obiettivo è supportare questo percorso con un progetto concreto nell’interesse dei nostri giovani e dello sviluppo sostenibile di lungo periodo del nostro Paese".

"Elemento essenziale del Progetto è la volontà di fare rete - ha dichiarato Pietro Cum, Amministratore delegato di ELIS - Vogliamo ‘allargare’ le mura di aule e istituti scolastici, mettendo i giovani a contatto con esperti e imprese che accendano in loro entusiasmo e progettualità, e li aiutino a comprendere il valore di ciò che apprendono. Lavoreremo al fianco di docenti appassionati, i veri protagonisti del Progetto, per dare insieme a loro nuova linfa a tutto il corpo insegnante. Il sogno è una scuola che riesca a scoprire e far fiorire i talenti che ogni giovane possiede, che valorizzi le differenze, che possa ricucire il percorso di studi dei ragazzi con i loro sogni e, nello stesso tempo, possa avvicinarli alle professioni del futuro".

Molte delle iniziative innovative previste dal progetto, rivolte a studenti e docenti, saranno sperimentabili sin da subito nell'ambito dell'autonomia scolastica. A partire dall' impiego di una piattaforma digitale che collegherà classi pluri-regionali delle scuole in rete per accedere a contenuti e lezioni su materie ad alta specializzazione, fornite da esperti esterni e professionisti aziendali. Gli approfondimenti saranno incentrati sui temi della rivoluzione ecologica, digitale e neuroscientifica in atto. La composizione delle scuole dovrà soddisfare criteri di omogeneità geografica tra Nord e Sud, grandi centri e periferie, con altrettanta attenzione alla parità di genere e ai diversi contesti sociali in cui operano.

Tirocini, laboratori e summer camp immergeranno gli studenti in situazioni di apprendimento rimaste finora un’e ccezione nella vita scolastica, mentre le esperienze all'estero consentiranno agli studenti di sviluppare la capacità di agire in contesti globali. Grande spazio sarà riservato alla formazione dei docenti, i veri agenti del cambiamento. Sono previsti percorsi ad hoc per acquisire nuove conoscenze, competenze e metodologie didattiche.

Il progetto, in prospettiva, potrebbe portare alla presentazione di una proposta volta ad istituire un liceo sperimentale, con un piano didattico dedicato. L'impegno delle aziende sarà di sostegno e coordinamento delle attività della rete di scuole. Identificare le competenze richieste dal mercato e favorire un apprendimento calato in applicazioni reali rientrano tra i compiti previsti per le imprese. Il progetto ha visto il coinvolgimento di presidi, docenti, esperti, studenti, amministratori delegati e rappresentanti delle istituzioniper pensare a nuovi percorsi didattici che tengano conto dei mutamenti e dalle nuove opportunità derivanti dalla transizione ecologica e digitale.

ELIS è un'organizzazione non profit che opera in sinergia con istituzioni pubbliche e soggetti privati in Italia e nei Paesi in via di Sviluppo. Forma persone al lavoro attraverso percorsi didattici che spaziano dalle Scuole Professionali al Corso di Laurea in Ingegneria informatica in collaborazione con il Politecnico di Milano. L'attività formativa è progettata e realizzata in stretta collaborazione con le aziende. ELIS ha così sviluppato nei decenni una collaborazione stabile con oltre 100 grandi gruppi e imprese, raccolte nel Consorzio ELIS Consel. Tra queste, Snam e altre 29 società quotate in Borsa. 7.000 persone accedono mediamente ogni anno all’o fferta formativa di ELIS in Italia e all'estero. L'organizzazione è particolarmente impegnata a favorire l'ingresso nel mondo del lavoro di soggetti socialmente ed economicamente fragili e promuove il dialogo tra giovani start-up e imprese.

Page Alert
ultimo aggiornamento
13 ottobre 2021 - 18:20 CEST