Green mobility
Login    

Green mobility

Green mobility

Il gas naturale sotto forma di CNG (gas naturale compresso), LNG (gas naturale liquefatto), biometano e BIO LNG (biometano liquefatto) è l'alternativa più pulita ed efficiente rispetto ai carburanti tradizionali.

Snam, promuove la transizione energetica attraverso quattro startup dedicate al biometano, all'efficienza energetica, alla mobilità sostenibile e all'idrogeno. Nel piano, gli investimenti di Snam per la transizione energetica ammontano a circa 720 milioni. Grazie a queste nuove attività, Snam sarà in grado di contribuire anche alla decarbonizzazione complessiva del sistema economico, evitando nel 2024 emissioni per oltre 600.000 tonnellate di CO2 equivalente.

Snam, attraverso Snam4mobility, offre servizi integrati per una mobilità sostenibile "smart green" a gas naturale (CNG e LNG) e biometano (Bio-CNG e Bio-LNG), realizzando infrastrutture di rifornimento e fornendo componenti per distributori di cui, attraverso la controllata Cubogas, è tra i leader di mercato. Entro il 2024 è prevista la realizzazione di 150 nuove stazioni di rifornimento di gas naturale e biometano, l'ampliamento dell'offerta per i mezzi pesanti (LNG) e il lancio delle prime cinque stazioni di rifornimento di idrogeno.

 

Green mobility

 

Nell'arco del piano strategico, Snam investirà complessivamente 150 milioni di euro per realizzare circa 150 stazioni di rifornimento di gas naturale, accrescere l'infrastruttura di distribuzione con focus LNG e progetti di Small Scale LNG oltre che per avviare i primi distributori a idrogeno. Questi investimenti si integrano con i circa 220 milioni previsti a piano per realizzare nuovi impianti di biometano, per una capacità installata superiore ai 64 Megawatt.

 
Il futuro della mobilità "verde" nel nostro Paese è strettamente legato alla diffusione di gas naturale e biometano, che rappresentano la "via italiana" alla decarbonizzazione dei trasporti. L'Italia è leader in Europa per automobili circolanti a CNG (gas naturale compresso), una tecnologia che abbatte particolato e ossidi di azoto e riduce notevolmente le emissioni di anidride carbonica rispetto ai carburanti tradizionali come diesel e benzina. Il biometano rende la Bio-Mobilità rinnovabile e ancora più green: questa risorsa, che può essere ottenuta dalla frazione organica dei rifiuti urbani o da scarti agricoli e agroalimentari, emette livelli quasi nulli di polveri (così come il gas naturale convenzionale) e riduce ulteriormente fino ad azzerare la CO2 rispetto al metano e ai carburanti tradizionali. Le emissioni di un veicolo a biometano sono paragonabili a quelle di un veicolo elettrico alimentato con energia eolica.

Una prospettiva interessante per il biometano è la sua liquefazione e conseguente trasformazione in bio-GNL, l'unica tecnologia attualmente disponibile per lo sviluppo di carburanti totalmente rinnovabili e a zero CO2 per i veicoli pesanti. Per alimentare i camion a biometano liquefatto, Snam sta sviluppando un progetto che prevede la realizzazione di impianti di micro-liquefazione distribuiti sul territorio italiano, in grado di produrre circa 150.000 tonnellate di GNL o bio-GNL all'anno e supportare sia l'aumento della flotta circolante di camion a gas naturale - dagli attuali 3000 potenzialmente fino a 15.000 unità - che lo sviluppo delle prime attività di bunkeraggio a supporto del mercato marino in Italia e dei primi treni a GNL che Snam sta sviluppando insieme ad FS e Hitachi.

Page Alert
ultimo aggiornamento
25 agosto 2021 - 18:30 CEST