Login    

Il biometano

Il biometano

Il biometano, fonte energetica rinnovabile e programmabile, permette di rispondere agli obiettivi di riduzione delle emissioni sfruttando le reti gas esistenti e contribuendo a incrementare la produzione nazionale.

Il biometano è una fonte di energia rinnovabile che si ottiene da biomasse agricole (colture dedicate, sottoprodotti e scarti agricoli e deiezioni animali), agroindustriali (scarti della filiera della lavorazione della filiera alimentare) e la frazione organica dei rifiuti solido urbani (FORSU). L'ottenimento del biometano avviene in due fasi: produzione del biogas grezzo - prevalentemente attraverso la digestione anaerobica di biomasse - e successiva rimozione - upgrading - delle componenti non compatibili con l'immissione in rete (CO2).

Il biometano permette di rispondere agli obiettivi di riduzione delle emissioni sfruttando le reti gas esistenti e contribuendo a incrementare la produzione nazionale. Questo sviluppo avrebbe anche ricadute positive sul comparto agro-alimentare, promuovendo un modello economico fondato su sostenibilità e circolarità nell’utilizzo delle risorse.

  • deiezioni animali
  • colture dedicate
  • sottoporodotti agricoli
  • forsu
biometano Infografica biometano Infografica
  • alimentazione
  • produzione biogas
  • energia del biogas

Il contributo del biometano agli obiettivi di decarbonizzazione non si limita alla sola fase del consumo energetico. Il suo processo produttivo può contribuire a ridurre in modo significativo le emissioni del settore agricolo (il 14% dei gas climalteranti) e a restituire al terreno sostanza organica. Il digestato (ciò che rimane dopo il processo di digestione anaerobica delle matrici agricole) è infatti un ottimo fertilizzante naturale utilizzabile in alternativa a quelli di origine fossile. Le imprese agricole potrebbero dunque abbattere sostanzialmente i loro costi di produzione e aumentare la propria competitività. Il biometano prodotto con criteri di sostenibilità è in grado di aumentare la capacità di assorbire e immagazzinare carbonio del suolo.

 

Il biometano
   

È una fonte

  • Rinnovabile: perchè prodotta da biomasse di origine agricola
  • Sostenibile: perchè è CO2 neutro e può ridurre in modo significativo anche le emissioni del settore agricolo (7% delle emissioni GHG in Italia)

Il suo utilizzo può avvenire in modo:

  • flessibile: per tutti gli usi energetici (anche come carburante nel settore trasporti)
  • programmabile: del tutto assimilabile al gas naturale, può sfruttare le infrastrutture esistenti di trasporto e stoccaggio
  • efficiente: utilizzabile anche nell’ambito della generazione distribuita.

LO SVILUPPO DEL BIOMETANO E LA STRATEGIA DI DECARBONIZZAZIONE IN ITALIA

Vai al sito del Consorzio italiano biogas

logo CIB logo Snam logo confagricoltura
Il biometano è una fonte energetica nazionale che può contribuire fino a circa il 15% della domanda di gas al 2030 e sostenere la produzione di gas su territorio nazionale

Modalità di incentivazione del biometano immesso nella rete del gas naturale sono state previste per la prima volta con la Direttiva 2009/28/CE e recepite all’articolo 21 del decreto legislativo 3 marzo 2011, n.28. In attuazione di tale decreto, il Ministero dello sviluppo economico di concerto con il Ministro dell’Ambiente e della tutela del mare e con il Ministro delle Politiche agricole e forestali ha adottato specifiche modalità per l’incentivazione del biometano nel 2013 (DM 5 dicembre 2013).

A seguito dell’entrata in vigore di tale decreto, considerando opportuno promuovere ulteriormente l’utilizzo del biometano sia come carburante per i trasporti che come elemento importante per la sicurezza degli approvvigionamenti di gas e privilegiando in particolare quello prodotto da matrici avanzate, il Ministero dello Sviluppo Economico ha ritenuto utile emanare un nuovo decreto, DM 2 marzo 2018, per la promozione del biometano (anche avanzato) al fine di incentivare l’immissione di biometano nella rete del gas naturale e destinato ad uso trasporto anche tramite la riconversione di impianti di biogas esistenti e un suo utilizzo per la produzione di biocarburanti immessi in consumo nel settore dei trasporti.

 

DM 2 marzo 2018

Il DM 2 marzo 2018 ha inoltre confermato il ruolo del GSE ai fini dell’applicazione del decreto e in particolare in relazione alle procedure di rilascio della qualifica e per la determinazione e riconoscimento degli incentivi ai produttori di biometano

 

Gestore Servizi energetici GSE

Vuoi sapere come allacciare il tuo impianto di produzione di biometano alla nostra rete?

Page Alert
ultimo aggiornamento
23 settembre 2020 - 17:32 CEST