Login    

L'efficienza energetica per i condomini

L'efficienza energetica per i condomini

Gli edifici sono tra i principali responsabili dell'inquinamento dell'aria e delle emissioni di CO2. Renderli più efficienti è essenziale nella lotta al cambiamento climatico.

Gli interventi di efficienza energetica sono un'opportunità per la rigenerazione non solo dei condomini, ma anche dei quartieri e delle città e per il miglioramento più generale della qualità della vita.

 

La riqualificazione energetica profonda, o deep renovation, di un condominio consente di:

  • ridurre i consumi energetici fino a -50%,
  • ridurre le emissioni di CO2 e di polveri sottili nell’aria,
  • aumentare il valore dell’immobile fino al +15%,
  • migliorare il comfort degli ambienti, diminuendo gli sbalzi termici da 10°C a 4°C in mezza stagione senza accendere l’impianto di riscaldamento (valore medio riscontrato negli interventi), meno spifferi e meno umidità negli ambienti,
  • incrementare la sicurezza dell’immobile, unendo agli interventi di riqualificazione energetica quelli di consolidamento antisismico,
  • di accedere ad un incentivo del 110% del costo dell’intervento, in base a quanto previsto dall’Ecobonus 2020

Perché è necessario efficientare i condomini?

Il riscaldamento e il raffrescamento degli edifici è responsabile del 40% dei consumi energetici e del 36% delle emissioni di CO2 degli Stati membri dell'Unione Europea e, a livello italiano, del 50% delle emissioni annue di PM10 e di monossido di carbonio.

In Italia, in particolare, c'è molto da fare.

  • l'85% degli edifici italiani è antecedente alla prima legge sull'efficienza energetica (1991)
  • le nostre abitazioni sono al 2° posto in Europa per dispersione termica
  • e al 1° posto in Europa per emissioni di CO2.

Fare riqualificazione profonda di un edificio, o deep renovation, significa procedere ad un intervento globale che si compone di interventi sia sulla parte attiva dell’edificio stesso, ovvero gli impianti che producono calore o raffrescamento, sia su quella passiva, ovvero l’involucro che trattiene o, troppo spesso, disperde la temperatura prodotta dagli impianti. Il riscaldamento e il raffrescamento degli ambienti assorbono infatti fino al 70% dei consumi energetici finali di un edificio.

  • Installare un cappotto termico

    Di cosa si tratta? Un rivestimento che isola termicamente e acusticamente le pareti di un edificio. Ne esistono di diversi materiali, sia sintetici sia naturali, e può essere applicato sia all'esterno sia all'interno dell'edificio.

    Quanto si risparmia? Fino al 50% dei consumi: riduce le dispersioni termiche e il passaggio di umidità. Aiuta quindi a contenere i fabbisogni di riscaldamento e raffrescamento.

 

  • Rinnovare la centrale termica

    Di cosa si tratta? Il dispositivo che riscalda gli ambienti e spesso anche l'acqua sanitaria. Ne esistono di diversi tipi: a condensazione, con pompe di calore, etc.

    Quanto si risparmia? Fino al 20% dei consumi: una caldaia moderna a condensazione sfrutta il combustibile in modo più efficiente rispetto alle caldaie tradizionali, grazie al calore recuperato dai gas di scarico.

 

  • Sostituire infissi e serramenti

    Di cosa si tratta? Infissi con telaio a taglio termico a doppio e triplo vetro.

    Quanto si risparmia? Fino al 15% dei consumi: infissi e serramenti efficienti riducono le dispersioni termiche e il passaggio di umidità e incrementano il comfort abitativo.

 

  • Individuare ulteriori aree di intervento

    Come l'installazione di lampadine a LED nelle aree comuni o l'installazione di impianti fotovoltaici.

 

  • Intervenire sul consolidamento sismico

    Di cosa si tratta? Insieme sistematico di interventi che consentono di migliorare la risposta dell'edificio in caso di eventi sismici, come il consolidamento delle murature e delle strutture, la realizzazione di cordoli perimetrali, l'installazione di isolatori sismici o il consolidamento delle fondazioni.

    Quali vantaggi comporta? Permette di aumentare la sicurezza complessiva dell'edificio.

 

CasaMia di Tep, il programma Snam per riqualificare il tuo condominio

 

CasaMia è il programma completo sviluppato da Tep per riqualificare i condomini, attraverso interventi di efficientamento energetico e consolidamento sismico. La soluzione si autofinanzia con il risparmio garantito sui consumi e con il credito di imposta certificato per accedere a Ecobonus e Sismabonus. Tutto questo aumentando anche il comfort dell'edificio e il benessere di chi ci vive.

I punti di forza di CasaMia

  1. Un intervento globale di efficientamento dell'intero sistema edificio-impianto: non solo una nuova centrale termica, non solo un cappotto termico, non solo la sostituzione degli infissi, ma un intervento organico, comprensivo anche di interventi sulla solidità strutturale dove ritenuti opportuni.
  2. Un unico interlocutore per tutte le fasi dell'intervento: Tep agisce come general contractor e affianca il condominio durante tutto il processo, anche nelle fasi di accesso ai meccanismi incentivanti.
  3. Convenzioni di finanziamento specifiche con le principali banche italiane per far fronte al costo di intervento non incentivato.
  4. Certificazione del credito d'imposta e degli interventi per l'ottenimento di EcoBonus e SismaBonus.
  5. Nessuna imposizione di forniture di energia o di tecnologie proprietarie.

Per informazioni scrivi a casamia@tepsolution.it

Scopri CasaMia su tepsolution.it

 

CasaMia per l'ambiente

Inoltre, il programma CasaMia offre ai condomini italiani l'opportunità non solo di riqualificarsi energeticamente, ma anche di contribuire alla riduzione del proprio impatto ambientale e al miglioramento della vivibilità in città. Questo attraverso gli interventi di piantumazione di nuovi alberi in aree urbane sostenuti attraverso il programma.

 

Il primo Bosco Urbano di CasaMia a Padova

 

  • Piantati 1.000 giovani alberi e arbusti esclusivamente autoctoni >> tigli, querce, aceri campestri e pallon di maggio
  • 1,3 ettari precedentemente lasciati a prato >> pari a circa due campi da calcio
  • L'area sarà usufruita dai cittadini e dalle scuole locali e avrà la funzione di oasi delle api e di cattura di inquinanti
  • In un anno, consentirà:
    - la cattura di un quantitativo di PM10 equivalente a 45 giri della Terra in auto,
    - l'assorbimento dell'equivalente della CO2 emessa da circa 40 famiglie italiane in un anno.

Pompe di calore e cogenerazione

Le pompe di calore a gas e la micro-cogenerazione sono le soluzioni più immediate ed efficaci per raggiungere gli obiettivi di decarbonizzazione, combattere l'inquinamento atmosferico, incrementare l'efficienza energetica e promuovere l'utilizzo di energia rinnovabile nella climatizzazione degli edifici.

 

Approfondisci

Page Alert
ultimo aggiornamento
10 settembre 2020 - 12:24 CEST